---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Kiev, distrutto oltre il 30% dei tank russi. Kadyrov, Severodonetsk in nostro controllo- Nepal, persi i contatti con aereo A bordo si trovano 22 persone- Putin a Macron e Scholz: 'Pronti al dialogo' Mosca: 'Nuovo test sul missile ipersonico'- Mosca: 'Nuovo test del missile ipersonico. Kherson ha chiuso gli accessi in Ucraina'- Trump: 'Ci riprenderemo la Casa Bianca'-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 14 aprile 2022

OSPEDALE SULMONA: "NON MOLLIAMO, NESSUNO FERMERÀ IL PROCESSO DI RICOSTRUZIONE"

SULMONA - "Non ha pace la sanità peligna nonostante gli sforzi che la Lega sta mettendo in campo.La coperta ormai ridotta ad un brandello continua a perdere pezzi senza che nessuno si premuri di ripararla. Si, perché dalla Direzione Sanitaria Aziendale, nonostante le continue sollecitazioni provenienti dal territorio e dal Governo Regionale non giungono segnali di interessamento.Il Direttore Sanitario Dottor Mascitelli probabilmente avrà faccende molto più importanti di cui occuparsi per ignorare la cronica e sempre peggiore carenza di personale in cui boccheggia l’Ospedale di Sulmona. Ore di attesa al Pronto Soccorso perché uno solo è il medico che deve far fronte a tutto, sospensione dell’attività chirurgica urologica (malattie oncologiche comprese!) perché un solo medico in servizio e il secondo a casa positivo al Coronavirus, servizi in affanno non sono situazioni meritevoli di attenzione. Nell’ultimo mese non lo è neppure la UOC di Ostetricia e Ginecologia: la Lega sta chiedendo a gran voce e da molti giorni una soluzione che non sia estemporanea e evanescente per restituire un minimo di ossigeno ad un Punto Nascita che, nonostante ci sia sempre una spallata per buttarlo giù definitivamente, seppur boccheggiando, resiste. Ma forse proprio questa capacità di resistenza che Medici, Infermiere e Ostetriche stanno mettendo in atto nell’ultimo periodo sollecita rancore da parte di chi, a naso, sembra avere altri progetti. E’ ancora ben vivo nella nostra mente la sensazione sgradevolissima di far parte di un progetto di distruzione della Sanità costruito con grande abilità dalla precedente Giunta Regionale con il beneplacito degli esponenti politici locali. Ci era sembrato di poter accantonare nella memoria il ricordo perché con la Lega, il Consigliere Regionale del territorio , le attenzioni della Giunta Regionale e l’appoggio degli organismi provinciali e regionali si era riusciti a tessere una nuova strategia su cui ricostruire, seppur con fatica, una buona sanità. Negli ultimi tempi di nuovo è tornata quella sgradevole sensazione perché è vero che gli esponenti politici locali sono cambiati ma non è cambiato chi le fila le tira dalla stanza dei bottoni. Non possiamo dimenticare l’appartenenza politica del Direttore Sanitario Aziendale a cui abbiamo dato fiducia perché lo pensavamo uomo capace di svolgere la propria professione in maniera più tecnica e meno politica, con l’obiettivo di restituire alla ASL1 servizi di qualità su tutti i territori di appartenenza.


Ma si sa, la politica entra nel sangue e non ne esce più: sarà per questo motivo che l’ intoccabile uomo di Luciano ( è non solo ), dopo le elezioni comunali di Sulmona, si è talmente contrariato da ricominciare ad avversare la Valle Peligna e i suoi abitanti. La Lega non demorde e farà valere il suo peso nella Giunta e nel Consiglio Regionale affinchè si possa tornare presto a colloquiare con Dirigenti di qualità con cui parlare lo stesso linguaggio".  


Nicola Di Simone 


Coordinatore comunale Lega Salvini Premier Sulmona




Nessun commento: