ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Sit-in per i due studenti arrestati. Sciopero della fame e incatenati, cresce la protesta alla Sapienza- Usa: "La risposta di Israele sarà un attacco limitato in Iran"- Teheran avverte Israele: "Pronti ad usare un'arma mai utilizzata"- Draghi: "Proporrò un cambiamento radicale per l'Unione europea"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Accorpamento classi: Fdi, norma per evitarlo è stata introdotta e il Pd votò contro - Stazioni del territorio,Popoli-Vittorito diventa hub dei servizi - Rischio pluriclasse a Caramanico Terme, scoppia la protesta-

Sport News

# SPORT # Risultati calcio a 5 SULMONA FUTSAL BATTE SAN MARZANO E CHIUDE AL 2° POSTO, PLAYOFF COL TERZIGNO

IN PRIMO PIANO

COMITATI CITTADINI PER L'AMBIENTE: "LA CENTRALE SNAM E’ UN OLTRAGGIO ALL’ ANTICO POPOLO DEI PELIGNI"

SULMONA - " Quasi un centinaio di tombe risalenti ad alcuni secoli avanti Cristo sono state rinvenute nel corso dei lavori di archeolog...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

giovedì 21 marzo 2024

"CENTRO TURISTICO GRAN SASSO, NESSUNA RISPOSTA"


L'AQUILA - "Fosse stata una sceneggiatura sarebbe quella di un dramma annunciato. Siamo invece al cospetto di una recita non scritta e sceneggiata, ma che al dramma riporta. Il dramma sarà quello a cui sono destinati i dipendenti del Centro Turistico del Gran Sasso che rischiano di restare senza lavoro e senza reddito. Il dramma sarà anche quello degli operatori turistici, dei loro dipendenti e delle loro famiglie, il dramma di una intera comunità. Il dramma annunciato ci attende dal prossimo primo maggio 2024, quando per effetto delle prescrizioni imposte da Ansfisa la Funivia del Gran Sasso perderà l’abilitazione ed autorizzazione al pubblico esercizio, come peraltro confermato dalla nota del Dipartimento Infrastrutture della Regione Abruzzo. Condizione quest’ultima che produrrà anche la perdita della contribuzione regionale per l’esercizio del Trasporto Pubblico Locale. Ci siamo occupati spesso della disastrosa condizione della partecipata comunale che troppo spesso ha richiesto sacrifici ai suoi dipendenti, ritardi negli stipendi, situazioni contributive confuse, mancato ricambio delle figure necessarie al funzionamento della complessa struttura ecc. Ora però siamo alla resa dei conti. Ieri nella Conferenza dei Capigruppo del Consiglio Comunale siamo stati auditi ed abbiamo rappresentato le nostre gravi preoccupazioni. Ci saremmo aspettati di ricevere notizie, di avere contezza di atti e di strategie ed invece l’unica strategia rivelata è l’attesa. Si attende e si spera in un ribaltamento del giudizio emesso dall’organo tecnico del ministero attraverso il pronunciamento del Tar, attendendo una eventuale sospensiva dei provvedimenti impugnati. Nessun piano, nessuna ricerca delle risorse necessarie per rispondere agli adempimenti imposti, nessuna tempistica, insomma nessuna altra strategia se non l’attesa. La scommessa ci pare esagerata ed anche disperata, prudenza consiglierebbe attivismo, progettazione adeguata e programmazione certa e condivisa. Questa condizione, ne siamo certi, ovviamente con il piacere di essere smentiti, non farà altro che produrre altra disperazione, altra povertà, altra precarietà.

Il dramma annunciato e ieri malamente interpretato dalla proprietà della Partecipata con una singolare e triste sceneggiatura produrrà, il primo maggio, non la festa dei lavoratori bensì la certificazione della loro disperazione".



Francesco Marreli Fontana Domenico Andrea Tucceri Cimini

Segretario Generale CGIL Segretario Cgil alla mobilità Segretario Generale Filt-Cgil

Nessun commento: