news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Trovato il corpo di Yana. In carcere l'ex fidanzato- Nordio: 'Non c'è la possibilità di modificare il 41bis'- L'agguato al giovane di Alatri, 'Ci sono due sospettati'- Trovata morta una ragazza all'università Iulm di Milano- Feroci scontri a Bakhmut 'I russi uccidono chiunque'-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

IN PRIMO PIANO

ECCELLENZA: IL SAMBUCETO BATTE AI RIGORI L'AQUILA E VINCE LA COPPA ITALIA

SULMONA - "Il Sambuceto vince la Coppa Italia di Eccellenza, battendo ai rigori 7 - 5  L’Aquila, nella finale giocata al “Pallozzi” di ...

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 3 gennaio 2023

FINA: "ERRORE SOSTITUIRE LEGNINI COME COMMISSARIO ALLA RICOSTRUZIONE DEL CENTRO ITALIA"

L'AQUILA - “La scelta del governo Meloni di nominare un nuovo commissario alla ricostruzione nel Centro Italia nella persona del senatore Guido Castelli è naturalmente legittima. Sono tuttavia uno sbaglio e un enorme rischio quelli del governo che interrompono il lavoro di Giovanni Legnini, che è stato una svolta riconosciuta da più parti nei territori terremotati, come sottolineato dai significativi e ripetuti appelli dei giorni scorsi di cittadini e rappresentanti istituzionali”: lo dichiara il senatore Michele Fina, segretario del Partito Democratico abruzzese.Fina prosegue: “Nell’interesse delle popolazioni del cratere non possiamo quindi che augurare buon lavoro a Castelli, e auspicare che lo conduca nel migliore dei modi. La scelta di non ascoltare le voci che sono arrivate dal territorio, e di ignorare tutto il merito, i risultati di un lavoro in corso come quello di Legnini, sono comunque errori. Perché fanno ripiombare nel pericolo di un rallentamento un percorso che in passato, prima di Legnini, ha già subito uno stallo inaccettabile per i cittadini coinvolti, visto quello che avevano dovuto passare in occasione delle scosse sismiche del 2016 e del 2017. Ricordo di aver molto lavorato alla scelta di Legnini con l’aiuto di Nicola Zingaretti in qualità di Segretario nazionale del Pd e Presidente della Regione Lazio, Dario Franceschini come Ministro capo delegazione del Pd al Governo, l’unità granitica dei parlamentari del Pd abruzzese e di tutto il gruppo dirigente, la comprensione e il sostegno degli altri parlamentari abruzzesi di centrosinistra e del M5S, questi ultimi anche come interlocutori intermediari con l’allora Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, la condivisione di gran parte dei partiti del centrodestra ed infine un dialogo serrato e positivo con gli altri rappresentanti di tutti i territori. Un lavoro nell’interesse delle cittadine e dei cittadini e non di un partito; lo dimostrò anche la non rivendicazione politica ma il riconoscimento unanime. Perché Legnini ha rappresentato, tra le altre cose, anche la messa a disposizione di un’esperienza istituzionale figlia dell’Abruzzo che ha dovuto subire, prima del sisma 2016-17, la tragedia del 2009 per affrontare la quale anche Legnini fu determinante. Ma questo è il primo significativo regalo del Governo Meloni: sordità totale e sdegnosa indifferenza alla richiesta dei territori, di tutti i territori del cratere, che non hanno meritato nemmeno un incontro o una risposta. Prima viene il suo partito e la composizione delle ambizioni interne”.

Nessun commento: