news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini: 'Io al Viminale? Farò quello che serve'- Lega: 'Avanti contro il caro bollette, flat tax e Quota41"- Il Times: 'Putin prepara un test nucleare al confine ucraino'- Mattarella ad Assisi: 'Non arrendersi alla guerra Siamo chiamati al dialogo' La Corea lancia un missile, scatta l'allerta in Giappone-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

IN PRIMO PIANO

SULMONA: " FUGA IN AVANTI... NON DI GAS"

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 20 maggio 2022

ARNAUD DÉMARE VINCE LA TREDICESIMA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA. JUAN PEDRO LOPEZ E’ ANCORA IN MAGLIA ROSA

Cuneo, 20 maggio 2022 – Arnaud Démare (Groupama-FDJ) ha vinto la tredicesima tappa del 105^ Giro d'Italia, la Sanremo-Cuneo di 150 km.Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Phil Bauhaus (Bahrain Victorious) e Mark Cavendish (Quick-Step Alpha Vinyl Team).Juan Pedro Lopez Perez (Trek-Segafredo) conserva la Maglia Rosa di leader della Classifica Generale.RISULTATO DI TAPPA1 - Arnaud Démare (Groupama-FDJ) - 150 km in 3h1816’’, alla media di 45.393 km/h

2 - Phil Bauhaus (Bahrain Victorious) a s.t.

3 - Mark Cavendish (Quick-Step Alpha Vinyl Team) s.t.


CLASSIFICA GENERALE

1 - Juan Pedro Lopez Perez (Trek-Segafredo)

2 - Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) a 12"

3 - Joao Pedro Almeida Gonçalves (UAE Team Emirates) s.t.



LE MAGLIE UFFICIALI


Le Maglie di leader del Giro d’Italia sono prodotte con tessuti SITIP e disegnate da CASTELLI.


Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel - Juan Pedro Lopez Perez (Trek-Segafredo)

Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, dedicata al Made in Italy - Arnaud Démare (Groupama-FDJ)

Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Diego Rosa (Eolo-Kometa Cycling Team)

Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Intimissimi Uomo - Juan Pedro Lopez Perez (Trek-Segafredo)



Pochi secondi dopo aver attraversato il traguardo, il vincitore Arnaud Démare (Groupama-FDJ) ha dichiarato: "Ad un certo ho cominciato a dubitare sulle possibilità di riprendere o meno la fuga perchè alcuni miei compagni di squadra avevano già dato tutto. Anche io credevo di essere un po' cotto in realtà. Solo a 10 km dall'arrivo ho iniziato a crederci ma ero davvero al limite. E' splendido vincere di nuovo, tre vittorie sono un bel bottino. Ho saputo durante la tappa del ritiro di Romain Bardet e credo che sia un peccato. Era in grande forma, aveva fatto molti sacrifici."  


La Maglia Rosa Juan Pedro Lopez Perez (Trek-Segafredo), subito dopo l'arrivo, ha dichiarato: "Nella prima parte di corsa, incluso il Colle di Nava, non siamo andati molto forte. La seconda parte invece è stata durissima, anche a causa del caldo. Domani sarà una tappa molto diversa, con molte salite tra cui Superga che ho fatto alla Milano-Torino. Non so cosa succederà ma darò tutto per tenere la Maglia Rosa."

Il vincitore di tappa Arnaud Démare ha dichiarato in conferenza stampa: “Sono veramente esausto. Non mi siedo quasi mai a terra dopo un arrivo ma oggi la tappa è stata faticosissima. Nella rincorsa ai fuggitivi abbiamo dovuto usare più corridori di quelli che ci aspettavamo, e lo stesso è capitato ad altri team. Se fossimo stati solo noi ad inseguire non li avremmo mai ripresi. Di solito mi piacciono questi arrivi in leggera salita ma oggi non era così perchè non ero più fresco. Abbiamo ripreso la fuga solo a 500 o 600 metri dall'arrivo ma già a 10 km dall'arrivo immaginavo un finale del genere perchè il falsopiano degli ultimi km poteva essere di troppo per loro. E' già un grande GIro per noi, una vittoria in più o una in meno non cambierà nulla. Vorremmo soprattutto divertirci anche se adesso iniziano le grandi montagne." 


La Maglia Rosa Juan Pedro Lopez Perez ha detto: “Non sapevo cosa fosse successo a Romain Bardet. L'ho saputo solo dalla radio. Era uno dei corridori più forti in una delle squadre più forti. Domani darò tutto come ogni giorno. Tutti sanno che Superga è molto dura, forse qualche corridore di classifica proverà ad attaccare. Sono arrivato al Giro solo per provare a vincere una tappa ed aiutare il mio team. Adesso vivo in un sogno e ancora stento a crederci."




Nessun commento: