---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Colloquio tra i capi degli eserciti Usa-Russia. Kiev, chiesto l'ergastolo per il soldato russo- La madre: 'Chiedo scusa'. Stabili le due bimbe ferite- La Russia pronta a riprendere i colloqui. Il vice capo di Azov Palamar si è arreso- Ucraina, bombe sul Donbass morti 10 civili, anche 2 bimbi- Auto nel giardino di un asilo all'Aquila. Un bimbo è morto, 5 feriti -

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - SULMONA: ZINGARETTI "IL TEMPO DELLA BUONA POLITICA"

VIDEO IN PRIMO PIANO - SULMONA FUTSAL IN SERIE B

mercoledì 2 marzo 2022

SCOCCIA E PAOLUCCI: "LA REGIONE RIPRISTINI 30 MILIONI PER L'OSPEDALE DI SULMONA"

VIDEO INTERVISTA SCOCCIA E PAOLUCCI SULMONA - "Una richiesta chiara e forte al Governo Regionale: il tripristino del 30 milioni di euro di fondi per l'ospedale di Sulmona. Istanza che arriva dalla consigliera regionale del Gruppo Misto Marianna Scoccia e dal capogruppo Pd Silvio Paolucci, contenuta nella risoluzione a firma Scoccia e avallata anche dai consigen del grupp Pd, Legnini Presidente e Abruzzo in Comune.La richiesta. "Siamo tutti favorevoli alla modifica del programma straordinario di investimenti in edilizia e tecnologie sanitarie EX ART 20-LEGGE 67/88, approvato con DGR 69/2022, per il ripristino del precedente stanziamento-cos i consiglieri Scoccia e Paolucci che prevedeva risorse finanziarie complessive per 30 milioni di euro, finalizzate alla nuova costruzione e alla riorganizzazione del presidio ospedaliero di Sulmona. Dopo 37 mesi di governo e a fronte delle ripetute bocciature delle proposte di piano della rete ospedaliera che ad oggi di fatto non esiste, come avevamo ampiamente previsto, la Giunta Marsilio toglie alla Valle peligna risorse certe per il suo nosocomio Lo fa con una delibera di Giunta, la n. 69/2022 che cancella 30 milioni di euro che il governo di centrosinistra aveva predisposto a favore del presidio.



La storia. Va ricordato che nella passata legislatura, il governo di centrosinistra ha approvato con DGR 742/2016 una proposta di accordo di programma per il settore degli investimenti sanitari in attuazione dell'art. 4 comma 6 della legge 77/2009, 3 stralcio, anticipando le azioni a fronte della precaria situazione infrastrutturale del presidio. La Regione aveva stanziato risorse proprie, realizzando, in appena 4 anni la nuova ala del Santissima Annunziata e decidendo di portare fino a 30 i milloni che sarebbero serviti cosi a un intervento più completo, nonché a procedere anche al riscatto, con l'opzione di reinvestire comunque su Sulmona.Infatti, a seguito della disponibilità finanziaria complessiva comunicata dal Ministero della Salute, la Regione Abruzzo con DGR 197/2017 ha approvato una nuova proposta di accordo di programma per il settore degli investimenti sanitari in attuazione dell'art.4 comma 6 della legge 77/2009, 3 stralcio, perfezionata alla luce del parere formulato dal NIV nella seduta del 08.03.2017. Per l'opera si procedette cosi on un "leasing in costruendo con altri 20 milion di euro, In sostanza la ditta appaltatrice assunse i costi di costruzione in cambio di un affitto ventennale con costi di interessi e servizi. Con 20 del 30 milioni si poteva procedere al riscatto e investire nelle spese correnti per personale e prestazioni, o, se si voleva rimodufarli, procedere a ulteriori investimenti infrastrutturali all'interno del Presidio di Sulmona. Gli ulteriori 10 milioni, erano somme che potevano essere impiegate per altre azionc: la demolizione della vecchia ala, la pista di elisoccorso e l'interramento della centrale tecnologica, comunque a vantaggio del comprensorio peligno..



La situazione attuale. Oggi questo sviluppo non è potuto decollare, perché la Giunta non è stata capace di fare un piano sanitario e una rete ospedaliera che sono condizione necessaria all'utilizzo delle risorse che da tre anni giacciono inutilizzate in cassa. Non basta: l'opportunità è stata di fatto cancellata perché il governo di centrodestra ha sottratto risorse certe e frulbili da tre anni, destinando altrove gli investimenti che potevano essere riversati sulla struttura peligna in termini, appunto, di prestazioni sanitarie, personale e servizi. E tutto questo è accaduto armando un territorio contro l'altro.A distanza di 3 anni dall'insediamento della Giunta Marco Marsilio, l'Esecutivo regionale ha inteso presentare un nuovo accordo andando ad aggiornare e sostituire quello precedentemente richiamato, disponendo della stessa somma glà definita a carico dello Stato nella DGR 742/2018, per il finanziamento degli interventi


Lo scippo. "Lo scippo al danni dell'ospedale dell'Annunziata c'è stato eccome-concludono i consiglieri - la giunta Marsilio lo ha messo nero su bianco, Una perdita capace oggi di compromettere la corretta funzionalità dell'intero presidio ospedaliero peligno, condizionandone, pesantemente il futuro e di mettere i territori l'uno contro faltro su un diritto, la cura, che deve essere di tutti"




Nessun commento: