---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Rush finale sul green pass.Figliuolo scrive alle Regioni- Sfreccia l'Italia di Ganna, con l'oro anche il nuovo mondiale- Quartetto ciclismo, Italia oro con record del mondo- Tita-Banti oro nella vela- Si decide su scuola e lavoro, da venerdì Green Pass- Riforma della giustizia, doppia fiducia alla Camera- Attacco hacker a Regione Lazio, Zingaretti: 'Non tratteremo'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 23 giugno 2021

INTITOLAZIONE PINACOTECA COMUNALE: "NEL RESPINGERE QUALSIASI ILLAZIONE, I COMPONENTI DELLA COMMISSIONE RIBADISCONO CHE LA SCELTA È STATA PROPOSTA ALL’UNANIMITÀ E SUCCESSIVAMENTE ACCOLTA DALLA GIUNTA COMUNALE"

SULMONA - "In riferimento alle sterili polemiche sollevate nei mesi passati ed anche alle recenti dichiarazioni del Partito Democratico di Sulmona, che si è impegnato ad intitolare la Pinacoteca   comunale   al   pittore   Gaetano   Pallozzi,   tra   i   primi   atti   amministrativi qualora   il   PD   fosse   chiamato   a   governare   la   città   nelle   prossime   elezioni,   i componenti della Commissione per la Toponomastica cittadina si sentono in dovere di intervenire nel merito:1) Premesso   che   nessun   luogo   pubblico   (via,   piazza   o   struttura)   può   essere denominato «a persone che non siano decedute da almeno dieci anni» (art. 2, Legge23   giugno   1927,   n°   1188),   si   precisa   che   quando   la   Commissione   per   la Toponomastica propose d’intitolare la “Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea” a Ettore Ferrari (verbali del 27 settembre 2018 e del 19 dicembre 2018), il maestro Gaetano Pallozzi era ancora vivente e attivo. Deroghe alla prescrizione dei dieci anni possono essere concesse dal Prefetto per questi soli casi: a) Caduti  di Guerra; b)Caduti per causa nazionale; c) Personaggi che abbiano benemeritato della Nazione. Dunque,   i   termini   di   legge   per   intitolare   la   “Pinacoteca   Comunale”   a   Gaetano Pallozzi non sussistevano né all’epoca della proposta, né alla data della delibera di Giunta (n° 210 del 18 novembre 2020) né alla data del Decreto Prefettizio (n° 847dell’8 gennaio 2021); tutt’al più, potranno maturare soltanto tra due lustri. Inoltre, deltutto arbitraria e illegittima, sia perché non supportata da alcun atto amministrativo, sia   perché   decisa   da   organismi   che   non   hanno   competenza   in   materia,   è   anche l’intitolazione del “Premio Sulmona” a Gaetano Pallozzi, peraltro sancita quando il maestro era ancora in vita.2) La proposta di dedicare la “Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea” a Ettore Ferrari, artista di valenza internazionale, è stata ispirata esclusivamente dalla volontà di onorare, nella ricorrenza del bimillenario ovidiano, lo scultore che ha donato a Sulmona la statua bronzea di Ovidio ma che questa comunità aveva inspiegabilmente e colpevolmente dimenticato di celebrare a quasi cento anni dalla posa in opera della statua in piazza 20 Settembre: una scelta di assoluta onestà intellettuale operata in piena e cosciente libertà da parte di tutti i componenti della Commissione, non certo“contro”   il   maestro   Gaetano   Pallozzi,   al   cui   nome   gli   amministratori   municipali potranno   intitolare   la   “Pinacoteca   Comunale”   della   “Galleria   d’Arte   Moderna   e Contemporanea Ettore Ferrari” non appena sarà maturato il termine ostativo dei 10anni dalla morte; parimenti, sarebbe opportuno intitolare la “Sezione Scultura” ad Attilio Di Renzo, autore di molte delle opere esposte nella medesima Galleria.3) Un’eventuale   delibera   di   Giunta,   tesa   a   cambiare   l’intitolazione   della   Galleria d’Arte, oltre a contenere notizie sul nuovo candidato, deve per legge illustrare “se sono venute meno le motivazioni a sostegno della precedente intitolazione”, vale adire le ragioni per le quali la comunità sulmonese intende cancellare dalla memoria collettiva   il   nome   dello   scultore  Ettore   Ferrari,   che   non   pretese   alcun   compenso personale per la sua opera se non le spese della fonderia e del trasporto della statua da Roma. Nel respingere qualsiasi   illazione su presunti interessi   personali e speculazioni di natura politica, i componenti della Commissione ribadiscono che la scelta di ricordare Ettore Ferrari è stata proposta all’unanimità e successivamente accolta dalla Giunta Comunale". Carlo   Alicandri   Ciufelli,   Alessandro   Bencivenga,   Roberto   Carrozzo,   Marina Carugno,   Franco   Cavallone,   Sandro   Colangelo,   Massimo   Giorgi   Piccirilli,   Fabio Valerio Maiorano.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :