--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Leone d'oro a Benigni- 'Ho il cuore colmo di gioia' Indennizzi, tasse e affitti, 40 miliardi per i nuovi aiuti- Dalla Danimarca lo stop definitivo ad AstraZeneca- Erdogan: 'Draghi maleducato, ora danneggiate le relazioni'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 18 marzo 2021

DL SOSTEGNI: PEZZOPANE (PD), MAESTRI SCI MERITANO ATTENZIONE, GOVERNO ASCOLTI GRIDO D’ALLARME

ROMA - “Faccio appello ai ministri Franco, Garavaglia e alla sottosegretaria Vezzali, perché si coordinino tra di loro e diano risposte ai maestri di sci che meritano le nostre attenzioni. Ho incontrato una delegazione ed ho raccolto il loro grido d’allarme. Sono fermi da un anno. I maestri di sci sono un anello fondamentale dell’offerta turistica della montagna e collaborano con le autorità scolastiche per favorire la diffusione dello sci nella Scuola e tra i giovanissimi. Vanno messi in condizioni di resistere a queste avverse condizioni e potersi riorganizzare per la prossima stagione sciistica”. Lo dichiara la deputata dem Stefania Pezzopane, della Presidenza del Gruppo Pd alla Camera “Gli oltre 15.000 professionisti della neve e le loro relative famiglie - aggiunge la deputata Pd - sono in attesa di soluzioni e risorse dall’improvvisa chiusura, il 10 marzo dello scorso anno, degli impianti di risalita nelle località turistiche invernali. È una situazione drammatica che riguarda anche centinaia di Scuole Italiane sci, molte anche in Abruzzo. Migliaia di maestri di sci e le oltre 400 scuole Sci si erano attrezzati e organizzati con massimo rigore pronti ad attenersi scrupolosamente ai protocolli e vademecum previsti con la professionalità che da sempre caratterizza la categoria. Ma nemmeno il 14 febbraio sono ripartiti”.“Questa stagione turistica invernale 2020/2021 - conclude Pezzopane - è stata sicuramente la peggiore da quando esiste lo sci moderno. I maestri di sci da marzo 2020 hanno sostenuto spese per l’acquisto delle attrezzature personali, ma non hanno mai lavorato. Hanno pagato affitti, utenze e le spese dei dipendenti assunti, tasse e contributi. La montagna, i maestri di sci i suoi operatori meritano attenzione. Il Decreto Sostegno è una occasione da non perdere”.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :