--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Pnrr Italia, l'ok entro 24 ore. Parte l'iter di approvazione - L'ipotesi: 'Stop mascherine all'aperto' Oggi il tema al vaglio del Cts- Italia batte Galles 1-0: Azzurri a punteggio pieno- Da domani l'Italia bianca, gialla solo la Valle d'Aosta- Un morto sul lago di Garda, una ragazza è dispersa- 'L'Italia non si è mai sottratta al salvataggio dei profughi'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

martedì 22 dicembre 2020

SULMONA: PRESENTATO IL PROGETTO RIGUARDANTE IL TEATRO "MARIA CANIGLIA"

VIDEOSULMONA - Nell'aula consiliare di palazzo San Francesco è stato presentato il progetto riguardante il teatro "Maria Caniglia".Erano presenti il sindaco Annamaria Casini, l'assessore alla Cultura Manuela Cozzi e Patrizio Maria D'Artista.Tutto parte dal desiderio di professionalita' della nostra citta' attraverso il teatro e una produzione di qualità da veicolare nel panorama teatrale nazionale.Un teatro di condivisione per far emergere talenti, anche locali.Appuntamenti formativi e divulgativi anche al foyer.Questi gli obiettivi del progetto per la citta' di Sulmona presentato questa mattina."Attraverso il teatro la citta' di Sulmona tornerà nel ruolo centrale della cultura"ha affermato Patrizio Maria D'Artista.

Una produzione di 20 spettacoli al teatro e altrettanti al foyer.Una serie di eventi culturali, spettacoli e prosa anche fuori dalle mura teatrali.Un progetto ambizioso che guarda al futuro che partirà a gennaio 2021 per terminare a fine anno.Saranno 30 mila euro i fondi che il comune di Sulmona metterà a disposizione di questo progetto, la cui direzione artistica sarà curata da D'Artista.Otto saranno gli spettacoli gestiti direttamente dall'associazione sulmonese.




Un progetto culturale sperimentale di valorizzazione del Teatro "Maria Caniglia", che comprende la programmazione di attività teatrali e della stagione di prosa proposte dall'associazione culturale META per tutto il 2021. La sperimentazione consiste non solo nell'assicurare eventi di prestigio nazionale del teatro di prosa, ma anche nel coinvolgere tante associazioni culturali del territorio, interessando nelle molteplici proposte culturali il Teatro e altri spazi della città legati alla cultura, durante tutto l’anno.  Il maestro Patrizio Maria D'Artista, giovane talento sulmonese, avrà il ruolo di dirigere il progetto con la volontà di rinnovare il “pubblico della cultura",  intendendo con questo rivolgersi ai giovani in particolare, alle scuole con le quali costruire un legame di senso che solo può garantire la centralità che la cultura deve avere per la città. “L’obiettivo è anche promuovere la produzione teatrale eper “fare cultura” con l'ambizione di portare fuori dai confini territoriali i talenti della nostra area, con evidenti ricadute economiche ed occupazionali. Vogliamo dare ai giovani che credono nella cultura ed hanno competenze e capacità specifiche una prospettiva di lavoro, di crescita e di realizzazione in grado di richiamare anche risorse finanziarie dal F.U.S. (fondo unico dello spettacolo) che  fino ad oggi hanno interessato il nostro territorio in modo del tutto marginale. Ha dichiarato il sindaco Annamaria Casini questa mattina nella conferenza stampa.  “Il progetto" ha spiegato l'assessore alla Cultura Manuela Cozzi "intende rafforzare una rete di competenze collegando attraverso idee le molteplici strutture che afferiscono al patrimonio cittadino, al cinema" Pacifico", al foyer del teatro, a spazi aperti come il Parco fluviale, al centro cittadino. Questo è un primo passo verso una gestione diversa e duratura, promuovendo un nuovo dialogo fra teatro e territorio anche facendo ricorso alle nuove tecnologie, sito web e pagine social dedicate, caratterizzate da un Logo distintivo, mai avuto fino ad oggi per promuovere il nostro Teatro a livello regionale e nazionale".


"Sono felice di comunicarvi che dal primo Gennaio 2021 entrerà nel vivo un nuovo progetto culturale di ampio respiro pensato per la città di Sulmona e per il suo gioiello più prestigioso: il Teatro Maria Caniglia. Un' iniziativa, che avremo modo di spiegare nei dettagli nei prossimi giorni, che dirigerò artisticamente e che ha come obiettivo quello di favorire un nuovo modo di pensare il teatro comunale, un teatro con e per la propria comunità, in grado di produrre capitale sociale nella Città di Sulmona, un sistema aperto in relazione con l’Italia e l’Europa.
Non ho molte parole per esprimere la mia emozione per questo incarico, di certo quello che sento è un misto fra gratitudine, gioia e tanta responsabilità.
Voglio ringraziare l’amministrazione tutta del Comune di Sulmona nella persona del Sindaco Annamaria Casini, dell’Assessore alla Cultura Manuela Cozzi, del dirigente Maurizia Di Massa, dei funzionari Renata Macantonio e Antonella Di Placido e tutto il personale dell’ufficio cultura per la fiducia e la disponibilità. Sono onorato di poter dare il mio contributo professionale al Teatro che più amo, dove sono nato artisticamente e alla mia Città alla quale sono da sempre profondamente riconoscente.
Non sarò da solo in questa avventura, avrò la fortuna di coordinare il lavoro di una squadra giovane e animata da un amore viscerale per il territorio e per il teatro che avremo modo di conoscere a breve. Insieme faremo del nostro meglio seppur consapevoli di quanto questo momento storico sia complesso per il teatro e lo spettacolo dal vivo, ma è proprio questo che abbiamo scelto di restare e di fare la nostra parte per uscire da questo stallo perché abbiamo un disperato bisogno di cultura.
Le attività di prosa, di spettacolo e tutte quelle collaterali che l’Associazione Culturale Meta porrà in essere andranno ad integrarsi con quelle concertistiche che la Camerata Musicale Sulmonese propone con competenza da moltissimi anni ed insieme a tutte le iniziative promosse dal Comune di Sulmona che con il sostegno a questa iniziativa pone concrete basi per il rigenerarsi del tessuto sociale e culturale della Città, e dalle associazioni culturali cittadine che garantiranno una variegata e costante offerta culturale al comprensorio peligno. Quest’ultime avranno un ruolo chiave!
Un pensiero anche all'Associazione culturale Informart di Pratola Peligna, a Silvio e Beatrice, che mi hanno dato la possibilità di dirigere artisticamente il Teatro Comunale D'Andrea, ormai da 3 anni, un piccolo gioiello del nostro comprensorio sul quale continuerò ad operare.
Siamo esseri sociali fatti di relazioni umane. Una prossimità conquistata frutto di una complessa evoluzione antropologica e di innumerevoli battaglie culturali nel segno dell’inclusione, eppure abbiamo dovuto imparare a tenerci a distanza.
Attraverso l’esperienza teatrale torneremo ad incontrarci".


Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :