ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Guterres, decisioni dell'Aja vincolanti, siano rispettate - La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah - Approvato il decreto salva-casa. Anche la Commissione per i conti dei club sul tavolo-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Da Sulmona a Tropea, il 'mangiaplastica' ora in 121 Comuni- A 80 anni da bombardamento, Avezzano ritrova nomi delle vittime - Lago di Scanno, lavori di messa in sicurezza delle sponde- L'Aquila si prepara ad accogliere lo show acrobatico delle Frecce Tricolori, lo spettacolo che accenderà il cielo aquilano nel fine settimana del 25 e 26 maggio-

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

PREMIO BENEDETTO CROCE, ASSEMBLEA CONCLUSIVA A POPOLI TERME DELLE GIURIE POPOLARI

POPOLI - "Le 52 giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce di Pescasseroli,  XIX edizione, si sono riunite a Popol...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

giovedì 18 aprile 2024

ALBERTO BAGNAI (LEGA) SMERCATO TUTELATO: "L'ANSIA DELL'UE DI CREARE SIMULACRI DI MERCATO IN CONTESTI DI MONOPOLI NATURALI RECA DANNI AI CITTADINI"

ROMA - "Il vero problema dei costi energetici è causato dall’ansia tutta europea di creare un simulacro di mercato concorrenziale in servizi di rete che sono invece casi da manuale di monopolio naturale. Un’ansia che nel settore dell’energia è particolarmente dannosa, perché il decoupling fra produzione e trasporto dell’energia apre a problematiche tecniche, e perché le strutture tariffarie adottate sono spesso opache e onerose". Lo ha affermato il deputato e responsabile economico della Lega, Alberto Bagnai, in occasione della conferenza “Bollette elettriche - Mercato tutelato: cosa fare”, che si è tenuta questa mattina a Roma nella Sala Salvadori della Camera."I cittadini”, ha proseguito Bagnai, “non ne vedono i benefici, perché questi benefici non ci sono, e il dibattito su questi temi, che sono in fondo legati al tema più generale del fallimento della globalizzazione, è schiacciato nelle sedi parlamentari da quel commissariamento strisciante che è il PNRR, approvato dal Parlamento italiano con tempi di esame compressi quanto quelli che la troika accordò al Parlamento greco per approvare il famigerato memorandum. Si rifletta su questo alle prossime elezioni europee!”.

Nessun commento: