ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Turbolenze su un volo Singapore Airlines, un morto e 40 feriti- A Pozzuoli sgomberati 13 edifici. Evacuato il carcere femminile- Campi Flegrei: in tanti rientrano a casa dopo una notte in strada - Il procuratore capo dell'Aia chiede il mandato d'arresto per Netanyahu e i leader di Hamas- Teheran apre un'inchiesta sullo schianto dell'elicottero -

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Confindustria Abruzzo, serve la proroga per Decontribuzione Sud- Renzi, comunali a Pescara? Giochiamo sempre per vincere - Dal 9 giugno nuovi treni per l'estate in Abruzzo - Rogo nella Pineta Dannunziana di Pescara, vigili in azione-

Sport News

# SPORT # Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

SCUOLE VERSO “LA MOBILITÀ SOSTENIBILE”: PRENDE IL VIA AD AVEZZANO IL PROGETTO PEDIBUS

AVEZZANO - " Con il patrocinio del Comune, la prima partenza si è svolta oggi nell’Istituto Mazzini Fermi, ma presto sarà esteso a tutt...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

lunedì 8 gennaio 2024

EX ILVA, SPERA (UGL METALMECCANICI):“GRANDE DELUSIONE E SENZA SVOLTA AL TAVOLO A PALAZZO CHIGI. ORA SERVE UN CAMBIO DI PASSO”

ROMA - “Doveva essere la giornata decisiva per il tanto atteso incontro tra governo e vertici ArcelorMittal a Palazzo Chigi sulla vertenza ex Ilva o Acciaierie d’Italia, ci aspettavamo una svolta definitiva. Purtroppo ciò non è avvenuto”.Lo riferisce Antonio Spera, Segretario Nazionale Ugl Metalmeccanici a fine incontro di Palazzo Chigi fra governo e ArcelorMittal sulla situazione dell'ex Ilva di Taranto. “Abbiamo ricordato che la cattiva gestione, gli accordi non rispettati, il mancato controllo sull’operato di Arcelor Mittal, sia in termini di salute e sicurezza sul lavoro sia per il mancato rilascio del siderurgico, sono da imputare ai governi precedenti rivelatisi a dir poco distratti. Oggi Palazzo Chigi giocava una delle più grandi e più importanti partite per la siderurgia e per l’intera industria italiana, che riguarda e coinvolge circa ventimila lavoratori. Nell’incontro la delegazione del Governo ha proposto ai vertici dell’azienda la sottoscrizione dell’aumento di capitale sociale, pari a 320 milioni di euro, così da concorrere ad aumentare al 66% la partecipazione del socio pubblico Invitalia, unitamente a quanto necessario per garantire la continuità produttiva. Il Governo ha preso atto della indisponibilità di ArcelorMittal ad assumere impegni finanziari e di investimento, anche come socio di minoranza, e ha incaricato Invitalia di assumere le decisioni conseguenti, attraverso il proprio team legale. L’auspicio dell’Ugl Metalmeccanici era che oggi si raggiungeva un accordo diverso dagli anni passati e che l’azienda poteva contribuire a produrre acciaio con un nuovo piano industriale e un nuovo assetto societario. Ora la questione si mette tutta in salita”, conclude Spera.

Nessun commento: