news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - 'Le regioni ucraine annesse, adesso pronti a negoziare'- Grande nuvola di metano sopra Norvegia e Svezia- Inflazione a settembre al 9%. La spesa mai così cara dal 1983- Prometeia taglia il pil dell'Italia di quasi 2 punti nel 2023- Kabul, kamikaze si fa esplodere oltre 30 morti in una scuola- Missili su convoglio umanitario a Zaporizhzhia, 23 le vittime- Bollette, arriva la stangata. Per la luce quasi un + 60%-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

IN PRIMO PIANO

PRATOLA PELIGNA, LA BCC È UNA BANCA "A CINQUE STELLE"

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 22 giugno 2022

SICCITÀ: "VISTOSA PERDITA D'ACQUA DINANZI IL SUPERCARCERE DI SULMONA"

MAURO NARDELLA(UIL)"SPRECO INAMMISSIBILE. COMUNE INTERVENGA"SULMONA - "È da diversi mesi oramai ( si, diversi mesi) che una vistosa perdita d'acqua accompagna gli ingressi nel supercarcere di piazzale vittime del dovere.Che possa trattarsi di una rottura della conduttura sembra essere stato accertato.Quello che non si riesce a capire, invece, in considerazione anche della grave siccità di questa caldissima estate, è perché non si interviene.Sembrerebbe che alla base di tutto ci sia un rimbalzo di competenze tra Amministrazione Penitenziaria e Comune.Eppure dovrebbe essere chiaro, essendo il piazzale passato sotto l'egida comunale nel 2019 allorquando venne presa la decisione di cambiarne intestazione ( non più Via Lamaccio bensì piazzale vittime del dovere appunto), di chi sia oggi la responsabilità.

Di certo c'è che un rigolo di acqua defluisce continuamente H24 dal sottosuolo arrecando un sentimento di sdegno ed incredulità nei confronti delle tante persone che nell'istituto Penitenziario quotidianamente vi accedono.

La speranza ora, accertata la competenza, risiede esclusivamente nella volontà di voler fare le cose o, per meglio dire, nell'imperativita' di dover agire non fosse altro che per razionalizzare un bene qual è l' acqua che potrebbe, quello sì e molto più del gas Russo, essere motivo di conflitto per l'Italia. Un motivo in più per non sottacere visto che in ambito preventivo i nostri amministratori nulla stanno facendo per eliminare proprio quello che sta alla base del possibile, futuro disastro umanitario: la riattazione della rete acquedottistica".

Nessun commento: