---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Ruby Ter. Pm: 'Sei anni a Berlusconi'. Chiesti 5 anni per Karima- Strage a scuola: 21 morti. Biden: 'Agire contro le armi'- Vaiolo delle scimmie, benefici da antivirale per vaiolo umano- 'A Mariupol 200 cadaveri in un rifugio'. Medvedev boccia il piano di pace dell'Italia- Il primo treno con un carico di grano ucraino è in Lituania-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - CORFINIO: IL PREMIO NAZIONALE PRATOLA SI CONFERMA EVENTO INTERNAZIONALE SOLIDARIETÀ, DIRITTI UMANI E IMPEGNO CIVILE

giovedì 7 aprile 2022

ZAFFERANO, A NAVELLI PRESENTAZIONE DEL VIDEO “1971-2021 CINQUANT’ANNI DELLA COOPERATIVA ALTOPIANO DI NAVELLI”

NAVELLI - Era il 7 aprile del 1971 quando si presentarono a L’Aquila, davanti al notaio Carlo Cricchi ben 46 piccoli produttori di zafferano di diversi borghi dell’Altopiano di Navelli, accomunati dall’idea di cooperazione messa in piedi da Silvio Salvatore Sarra: lì nacque la Cooperativa “Altopiano di Navelli”.Oggi un video reportage, che sarà presentato domani, venerdì 8 aprile alle ore 18,30 al Municipio di Navelli, attraverso racconti e testimonianze dei protagonisti, racconta un’esperienza che dura da mezzo secolo.Si intitola “1971-2021 Cinquant’anni della Cooperativa Altopiano di Navelli” ed è stato realizzato proprio in occasione del mezzo secolo di attività dei produttori del pregiato zafferano dell’Aquila Dop che in un momento storico particolarmente difficile per la commercializzazione della spezia, grazie all’intuizione di Silvio Salvatore Sarra si misero insieme per ridare forza e valore ad una produzione d’eccellenza.

L’unione dei produttori in cooperativa si rese necessaria perché, in quegli anni, il prezzo dello zafferano era crollato e non vi era richiesta di mercato. A causa di ciò, sussisteva un certo sconforto tra i coltivatori, tale che alcuni di loro cominciarono a distruggere i bulbi, a darli in pasto alle bestie che allevavano, a non coltivare più lo zafferano.

Da allora, grazie alla costituzione della cooperativa, con la guida di Sarra, le cose cominciarono a cambiare pur se tra mille difficoltà iniziali. La seconda svolta, si ebbe nel 2005 con il riconoscimento del marchio Dop al prodotto coltivato nei 13 comuni dell’aquilano riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole.

Nel video reportage, un prodotto unico, destinato a rappresentare un autentico documento storico per le future generazioni, si alternano i racconti di Massimiliano D’Innocenzo, presidente del Consorzio di tutela, Valentino Di Marzio, presidente della cooperativa, e Angelo Sarra, nipote di Silvio e presidente della Fondazione Sarra, le testimonianze di Carmine Marroccella, tecnico del laboratorio analisi della Camera di Commercio Gran Sasso, e Filippo Rubei, della commissione per la certificazione Dop. E poi gli interventi del sindaco di Navelli, Paolo Federico, di quello dell'Aquila, Pierluigi Biondi, della presidente della Camera di Commercio del Gran Sasso Antonella Ballone.

Il video è stato finanziato dal Comune di Navelli e dalla Fondazione Carispaq, e realizzato con la collaborazione del Consorzio di tutela, dalla Cooperativa Altopiano di Navelli e della Fondazione Sarra".


Nessun commento: