---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Letta contro Meloni. FdI: 'No lezioni dal Pd'. Renzi: 'Domani incontro Calenda e si decide'- Cottarelli: 'Mi candido con Pd e +Europa' . Annuncio di Berlusconi: 'Correrò al Senato'- Calenda: 'Con Renzi accordo raggiunto'- Missili vicino a Zaporizhzhia Bombe a Nikopol, uccisi 11 civili-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

IN PRIMO PIANO

PACENTRO: RIAPERTA AL TRANSITO LA SP 13 "MORRONESE"

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - SULMONA : Giostra Cavalleresca - 1^ Giornata

martedì 31 agosto 2021

GUARDIA DI FINANZA: BLOCCATA L’EROGAZIONE DI OLTRE 220.000 EURO DI REDDITO DI EMERGENZA NEI CONFRONTI DI OSPITI DEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L'AQUILA - "La Compagnia di L’Aquila ha concluso una complessa attività in materia di spesa pubblica, finalizzata alla verifica della corretta erogazione dei sussidi economici legati all’emergenza da COVID-19. I finanzieri, individuati gli Ospiti dei CAS anche percettori di REM 2020, intuivano che il citato sussidio - destinato a soggetti, in particolari condizioni di indigenza, economicamente danneggiati dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 - non gli doveva essere erogato, perché già assistiti dallo Stato.Successivamente, il Magistrato della Corte dei Conti delegato al Controllo presso l’INPS - confermando l’ipotesi dei militari - interessava la Direzione Centrale dell’Istituto che, con una circolare indirizzata a tutte le Direzioni Territoriali, chiariva che il citato ristoro economico non è dovuto agli Ospiti dei Centri di Accoglienza.

A seguito dell’autorevole e concorde interpretazione, i Finanzieri - attraverso l’utilizzo di moderne strumentazioni tecnologiche - rilevavano che circa 200 Ospiti dei CAS siti nella provincia aquilana avevano già percepito o richiesto il Reddito di Emergenza. In particolare, venivano segnalate all’INPS:

126 istanze già liquidate, richiedendo la revoca del sussidio e il recupero di circa 130.000 €; 

125 istanze presentate, ottenendo l’annullamento dell’erogazione di circa 222.000 €.

L’attività, pregevole esempio di collaborazione con la Corte dei Conti, di cui la Guardia di finanza è preminente interlocutore, è testimonianza dell’impegno del Corpo a contrasto dello sperpero delle risorse pubbliche per far sì che le stesse siano destinate correttamente a favore della collettività e dei cittadini che ne hanno diritto".


Nessun commento: