--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Pnrr Italia, l'ok entro 24 ore. Parte l'iter di approvazione - L'ipotesi: 'Stop mascherine all'aperto' Oggi il tema al vaglio del Cts- Italia batte Galles 1-0: Azzurri a punteggio pieno- Da domani l'Italia bianca, gialla solo la Valle d'Aosta- Un morto sul lago di Garda, una ragazza è dispersa- 'L'Italia non si è mai sottratta al salvataggio dei profughi'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 5 maggio 2021

AVEZZANO, ALL'EX SCUOLA GANDIN UN CENTRO SERVIZI PER ASSOCIAZIONI E FAMIGLIE

AVEZZANO - La giunta: riconversione finalizzata al settore sociale.All’ex Gandin, ormai sostituita dai nuovissimi edifici del progetto “scuole sicure“, l’amministrazione Di Pangrazio punta a realizzare un centro polifunzionale di servizi per le associazioni e le famiglie. Per l’operazione -messa in cantiere in tempi record- approvata dalla giunta e dal consiglio comunale -con voto unanime- l’Ente guarda al tesoretto messo sul tavolo dal Ministero dell’Interno e dell’Istruzione, il fondo “Asili nido e scuole dell’infanzia” da 100 milioni di euro l’anno dal 2021 al 2023 che sale a 200 milioni per le annualità dal 2024 al 2034. “Avezzano, ormai un esempio nazionale nel campo delle scuole sicure”, affermano il sindaco e gli assessori comunali, “con il progetto di riconversione della Gandin ora punta ad ampliare l’offerta di servizi per le associazioni,  i bambini e le loro famiglie: L’obiettivo è quello di aiutare al massimo la formazione delle nuove generazioni anche attraverso nuovi servizi”. Per poter accedere al finanziamento curato dal vice sindaco con delega alle politiche di finanziamento, Domenico Di Berardino, giunta e consiglio hanno fatto scattare il via libera a una variazione al bilancio 2021/2023 inserendo un intervento di spesa di 2 milioni per la realizzazione di un Centro polifunzionale per le famiglie e le associazioni, con contestuale modifica del piano triennale delle opere pubbliche. Il passaggio è propedeutico alla richiesta di finanziamento ministeriale.
    Il fondo ministeriale prevede l’erogazione di massimo di 3 milioni di euro, per progetti innovativi volti alla riconversione di spazi delle scuole dell’infanzia attualmente inutilizzati, con la finalità di riequilibrio territoriale, con servizi integrativi che concorrano all’educazione dei bambini e soddisfino i bisogni delle famiglie e delle associazioni in modo flessibile e diversificato.
                                                                                   



Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :