---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Si parte dal 16 dicembre Disponibili 1,5milioni di dosi- Via libera dell'Aifa ai vaccini per i bimbi tra 5 e 11 anni- I nuovi casi sono 15.085. In aumento le vittime, 103- Eitan ritornerà in Italia. Con Aya, la zia paterna - Brusaferro: 'Salgono i ricoveri, l'indice Rt rimane sopra l'uno'- Scuola: Niente dad con un contagio. L'Aifa decide sugli under 12- Caos intensive in Germania: Oms: 'Over 60 non viaggino'- Germania: E' allarme per le intensive. Pazienti anche in Lombardia- L'Alto Adige da lunedì sarà in zona gialla-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

martedì 23 marzo 2021

COVID-19. SCOCCIA:"SI CONTINUA A CREARE CONFUSIONE NEI CITTADINI E IN TUTTI QUEI SINDACI LASCIATI TROPPO SOLI IN QUESTA EMERGENZA"

SULMONA -"Se i protagonisti del piano vaccinale della Regione continuano ad essere i ritardi e la confusione, qualcosa però comincia a cambiare, testimonianza che quanto finora denunciato dall’opposizione in consiglio regionale sull’emergenza Covid e sul piano vaccinale non era affatto peregrino, né tantomeno strumentale. Abbiamo di fatto obbligato la Giunta Marsilio e l’assessore Veri a costruire azioni più concrete; sono convinta che in una emergenza vaccinale di questa portata, sarebbe servito fin da subito un metodo diverso, una cabina di regia chiara, un cronoprogramma serio e un monitoraggio costante. Qualcosa si muove sí, ma non come ci saremmo aspettati. Andiamo con ordine: oggi nella seduta di consiglio regionale sono state presentate le slide esplicative di un atto di programmazione regionale di cui ancora non si vede traccia. Non solo, manca il presupposto dell’atto, vale a dire un’analisi capillare nei numeri e nelle azioni intraprese, un quadro dello status quo vaccinale e le maggiori criticità riscontrate fino ad oggi, oltre che una sintesi con la redazione di un cronoprogramma che  possa disegnare il raggiungimento dell’obiettivo dell’immunità di gregge al 30 settembre. Si continua a creare confusione nei cittadini e in tutti quei sindaci lasciati troppo soli in questa emergenza.  Su una popolazione di 1ml 300mila abitanti si è ancora fermi alla somministrazione della prima dose sulle tre province di Pescara, Chieti, L'Aquila, fatta eccezione per Teramo che ha completato le dosi sia del personale scolastico che degli over 80.L’esempio della confusione lo fornisce l’avvio del team mobile che da domani, di concerto con i comuni, dovrà somministrare 1200 dosi giornaliere; se la regione non fornisce ancora i dati delle fragilità alle quali somministrare le dosi, come riusciranno le asl a organizzare la macchina mobile? Ritengo che dare all'Abruzzo una risposta concreta sulle vaccinazioni sia indispensabile non solo per garantire il diritto alla salute ed evitare il collasso delle strutture ospedaliere, ma anche e soprattutto per assicurare, attraverso la più ampia immunizzazione della popolazione, la ripresa di un sistemo economico messo inn ginocchio dall'emergenza sanitaria"afferma la consigliera regionale Marianna Scoccia

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :