---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - In Sardegna 2 focolai attivi: Un pastore salva 400 pecore- 'Le proteste No green pass non erano state autorizzate'- Garozzo argento nel fioretto 'Una sconfitta che fa male' Tiro a volo, Bacosi argento nello skeet donne- Garozzo in finale nel fioretto, Pellegrini semifinale nei 200- Italia argento nella 4x100 Martinenghi rana di bronzo- Ancora roghi in Sardegna. Chiesti aerei ai paesi Ue-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 7 dicembre 2020

SEMPRE CRITICA LA SITUAZIONE AL CARCERE DI SULMONA. NARDELLA( UILPA POLIZIA PENITENZIARIA): IL DAP RICONOSCA UFFICIALMENTE IL SACRIFICIO DEI BASCHI BLU SULMONESI ED INVII RINFORZI UTILIZZANDO LA SCUOLA DI FORMAZIONE PER LA LORO RICETTIVITÀ

SULMONA - "Resta preoccupante la situazione presso il carcere di massima sicurezza di Sulmona. Fortuna ha voluto che, seppur in netto ritardo rispetto a quanto richiesto proprio dalla UIL ,il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria ha attuato quella politica di mobilitazione in altri istituti di pena di decine di detenuti non affetti da covid. Questo consentirà  il  recupero di spazi idonei a separare i detenuti positivi da quelli negativi, unica capace di ridurre se non di arrestare del tutto il contagio.Molti sono ancora i detenuti positivi mentre si attestano a ben 12 i casi covid tra gli agenti.Ed è proprio a loro che va il mio pensiero.Turni sovraumani stanno minando sempre più la loro capacità di sopportazione e la loro resilienza al problema creatosi.Quello che non si deve assolutamente fare è che ci si dimentichi che è soprattutto attraverso il loro innato senso del dovere che si è evitato di scrivere una pagina ancora più nera rispetto a quella già scritta.Il Dipartimento non può e non deve assolutamente non considerare questo. L'auspicio  è quello di vedere trasformare in atti amministrativi, concedendo loro un encomio solenne(non appena sarà possibile), ciò che con gli occhi del vice capo dipartimento Roberto Tartaglia ha potuto constatare.Il fatto che il DAP abbia inviato un contingente del Gruppo operativo mobile ci ha fatto capire che l'idea di venire incontro alle esigenze di compensazione delle energie profuse da un personale quasi del tutto ultracinquantenne e con trent'anni di servizio sulle spalle, ha avuto una sua materializzazione.Tuttavia qualcosa in più andrebbe fatto se non si vuole che si arrivi al collasso vero e proprio.La UIL ha chiesto un rinforzo degli organici attraverso l'invio di un altro contingente GOM o, in alternativa, di altro personale in missione. Contestualmente sempre la UIL ha chiesto l'utilizzo della scuola di Formazione dell'amministrazione penitenziaria di Fonte d'amore.
 Il tutto affinché sia il  contingente GOM attualmente all'opera che quello che, ci auspichiamo, arrivi presto trovino la giusta ospitalità vivendo i loro giorni di permanenza in terra peligna in una struttura ricettiva capace di accoglierli secondo i requisiti previsti sia in materia di missioni che di rispetto dei protocolli Covid.Requisiti che da sola la direzione del penitenziario non può, malgrado si stia sforzando di tenere testa all'emergenza,  umanamente garantire.
Male non sarebbe, a tal proposito, se la Scuola di formazione dell'Amministrazione penitenziaria di Sulmona se ne facesse capo contribuendo anch'essa, con i propri mezzi, a rendere meno pesante una situazione che non ci dobbiamo scordare stanno vivendo poliziotti penitenziari e non personale estraneo all'Amministrazione penitenziaria".
 Mauro Nardella segretario generale territoriale UIL PA polizia penitenziaria

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :