--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Si punta a 500mila vaccini al giorno nel mese di aprile- Finito a Roma il summit M5s Per Conte un ruolo ad hoc- Il vaccino Johnson&Johnson autorizzato negli Usa- Allarme contagi nelle scuole: Si valuta stop in zone rosse- Allerta per gli assembramenti: A Milano 'rave' sulla Darsena-

news

PRIMO PIANO

L' ULTIMO SALUTO PER GIORGIO FARINA

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 14 agosto 2020

IL PD DI TUTTI:"LA BANCARELLA DI ARTICOLI CASALINGHI CHE FA BELLA MOSTRA DI SÉ IN PIAZZA XX SETTEMBRE"

SULMONA - “Sic transit gloria mundi” Registriamo , oggi, la fine della  nobile città di Sulmona travolta da questi nuovi barbari che occupano, ormai da quasi 5 anni, palazzo S. Francesco.  La bancarella di articoli casalinghi che fa bella mostra di sé a P.zza XX Settembre proprio davanti ad “Ovidio” – quella che dovrebbe essere il salotto buono della città, il biglietto da visita per chi venendo da fuori a visitarla vi si reca per una foto ricordo con la statua del Sommo Poeta alle spalle – ne rappresenta ormai la lapide ideale. Una città che non avrebbe bisogno di altro che mostrare le sue bellezze artistiche ed architettoniche, i suoi paesaggi naturalistici da poter ammirare dall’alto della scalinata dei “Cordoni”, con le montagne a far da corona ad una splendida Piazza Maggiore che lascia a bocca aperta quanti la vedono per la prima volta, viene deturpata con una sequela di bancarelle lungo il suo magnifico centro storico, a far bella mostra di articoli di biancheria intima, casalinghi e articoli vari come in un qualsiasi mercatino rionale. La Casini con la sua “banda dei 5”che impunemente continuano a mortificare questa città, quale idea di turismo ha in mente, per Sulmona che andrebbe valorizzata rilanciandone l’immagine di città medievale invece di deturparla con questa assurda quanto insignificante Fiera? Eppure non ci vorrebbe molto, basterebbe consultare qualche sito in rete per vedere come si comportano cittadine simili dove si realizzano mercatini di antiquariato in linea con la storia e le tradizioni del posto, ad incrementare l’afflusso di un  turismo ormai educato a simili esperienze. Ma ormai bisogna farsene una ragione, almeno fino a maggio prossimo quando questa signora toglierà il disturbo, la povertà “culturale” di questi amministratori rappresenta il dato caratterizzante delle loro azioni. Con buona pace dei Barbato (1300), Ciofano (1500) De Nino (1800) Serafini (1800) ed in fine, Tresca (1900), solo per citare alcune delle personalità a partire da Ovidio, vanto di Sulmona per i suoi trascorsi culturali".   
      IL CIRCOLO PD DI SULMONA

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :