--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Annuncio di Speranza: 'Entro l'estate vaccinati tutti gli italiani che lo vorranno'- Sanremo, 13,2 milioni e 49.9% per la prima parte del festival- Vincono i Maneskin. Al secondo posto Francesca Michielin e Fedez, al terzo Ermal Meta- Investito per errore da auto padre, muore bimbo di 18 mesi- L'hub vaccinale a Roma: Mattarella visita la Nuvola. 'Teniamo duro, ce la faremo' In vigore il nuovo Dpcm.Lunedì i cambi di 'colore'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 14 agosto 2020

"FUNZIONA IL PIANO ANTICOVID NELLE CARCERI AQUILANE.BLOCCATO IERI UN FAMILIARE DI UN DETENUTO FEBBRICITANTE"

NARDELLA(UIL PA) DOTARE ORA L'OSPEDALE DI SULMONA DI MACCHINARIO PROCESSA TAMPONI.
SULMONA - "Al di là di un inizio che ha fatto contare tre agenti positivi presso il carcere di Sulmona ( anche se prontamente circoscritti)  gli istituti penitenziari aquilani si sono distinti per il rigore adottato nella prevenzione anticovid e nel puntuale e preciso ottemperamento del relativo protocollo.-Ad affermarlo è  Mauro Nardella componente della segreteria regionale della UIL Pubblica Amministrazione e della CST Adriatica Gran Sasso-Proprio ieri  in un istituto della provincia aquilana, dopo la riapertura ai colloqui con i familiari avvenuta nelle settimane scorse ed attraverso l'oculata opera del personale sanitario e di polizia penitenziaria, è stata identificata una donna con febbre alta proveniente da una regione del Sud.Il protocollo attuato nel pieno delle direttive ha permesso di bloccarne l'ingresso e di segnalarne prontamente il caso agli organi competenti.-Sottolinea Nardella-I complimenti al personale preposto alle operazioni di pre triage sono d'uopo.A tal proposito vale la pena affermare che ha funzionato e molto bene l'introduzione della figura dell'OSS nei penitenziari italiani autentiche barriere  insieme ai sanitari all'ingresso di personale potenzialmente infetto.-Prosegue il sindacalista della Uil-Unico neo resta quello di non poter contare presso l'ospedale di Sulmona, contrariamente ai nosocomi di Avezzano e L'Aquila, di un macchinario in grado di processare prontamente i tamponi e che, come è dato sapere,  rappresentano una componente importantissima nella gestione del protocollo.
Questo stato di cose non permette anche al carcere di poter avere un presidio prontamente disponibile per capire se una persona è positiva o meno a quello che da tutti sarà ricordato come il male del nuovo millennio".-Conclude Nardella-

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :