--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - L'Ue firma con Moderna 'Altre 300 milioni di dosi'- Via Arcuri, arriva Figliuolo nuovo commissario Covid- Allarme dell'Iss sui giovani 'Piu casi di Covid tra under 20'- Pil in calo dell'8,9% nel 2020.La pressione fiscale al 43,1%- Partita la sperimentazione del vaccino italiano Takis- Da oggi l'Italia più arancione.La Sardegna diventa bianca- Golden Globe: Premiata Laura Pausini. Nomadland miglior film- La Sardegna da oggi è bianca. Bonaccini: 'Marzo sarà difficile'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 29 maggio 2020

STATO DI AGITAZIONE ADDETTI MENSA CARCERE L'AQUILA. PREOCCUPAZIONE E SOLIDARIETÀ DELLA UIL PA ABRUZZO ALLE DIPENDENTI

L'AQUILA - In considerazione del mancato pagamento delle retribuzioni a favore di alcuni dipendenti della società di ristorazione operante presso la Casa Circondariale dell'Aquila, si è appresa la notizia dello stato di agitazione dei dipendenti interessati e del possibile, quanto non auspicabile, inasprimento delle azioni di lotta qualora non si ovviasse al delicato problema venutosi a creare.-A dare la notizia Franco Migliarini e Mauro Nardella della UIL PA ABRUZZO-La Uil  PA, nell'esprimere massima solidarietà alle addette, si dice preoccupata delle ripercussioni che una siffatta situazione potrebbe avere nell'economia generale della Casa Circondariale.
Il tutto anche e soprattutto in considerazione del fatto che sono più di 200 gli aventi diritto al pasto che quotidianamente fanno accesso alla mensa.Tra questi, lo ricordiamo, vi sono molti agenti del Gruppo operativo mobile, deputati alla gestione dei detenuti ex 41 bis e che a L'Aquila vi operano in missione operativa lontani, quindi,  dai rispettivi luoghi di residenza.-Sottolineano Nardella e Migliarini-Sembrerebbe che, malgrado ci siano stati ripetuti solleciti,  una parte dei dipendenti della ditta appaltatrice non abbiano visto erogato lo stipendio.Il tutto malgrado l'invito a farlo sia stato rivolto anche al committente, nella fattispecie l'amministrazione penitenziaria, nei cui confronti, così come previsto dalla normativa vigente, è possibile proporre azione diretta per fare conseguire alle addette al servizio di ristorazione quanto spettante.-Continuano i due dirigenti Uil-Ci si augura che questo disguido possa chiarirsi nel fare di pochissimo tempo e che tutto, a salvaguardia delle aspettative di chi non ha percepito lo stipendio e degli agenti che alle addette devono molto visto la qualità del lavoro prodotto da  chi assicura loro i pasti quotidiani.-Concludono Migliarini e Nardella-

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :