ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Guterres, decisioni dell'Aja vincolanti, siano rispettate - La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah - Approvato il decreto salva-casa. Anche la Commissione per i conti dei club sul tavolo-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Da Sulmona a Tropea, il 'mangiaplastica' ora in 121 Comuni- A 80 anni da bombardamento, Avezzano ritrova nomi delle vittime - Lago di Scanno, lavori di messa in sicurezza delle sponde- L'Aquila si prepara ad accogliere lo show acrobatico delle Frecce Tricolori, lo spettacolo che accenderà il cielo aquilano nel fine settimana del 25 e 26 maggio-

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

PREMIO BENEDETTO CROCE, ASSEMBLEA CONCLUSIVA A POPOLI TERME DELLE GIURIE POPOLARI

POPOLI - "Le 52 giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce di Pescasseroli,  XIX edizione, si sono riunite a Popol...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

venerdì 19 aprile 2024

"PROFETICA PREVISIONE DEL METEOROLOGO BERNARDI. ARRIVATI LA NEVE E IL TEMIBILE E PERICOLOSO GELO TARDIVO"


L'AQUILA - "Lo aveva annunciato in tendenza 15 giorni fa e purtroppo lo si è puntualmente visto materializzare.Stiamo parlando del freddo maltempo raccontato dal meteorologo Stefano Bernardi e giunto in Italia con una precisione a dir poco chirurgica.La si temeva questa incursione artica e di fatto fa paura, molto paura soprattutto a chi vive di agricoltura.La neve caduta finanche a 700 metri e la maggiore densità che caratterizza l'aria fredda rispetto all'aria calda, sarà micidiale soprattutto questa notte quando, complice l' irraggiamento dettato dal cielo sereno, potrebbe portare i valori di temperatura molto prossimi se non raggiungere e andare sotto gli zero gradi in quelle zone dove il caldo abnorme dei giorni scorsi ha di fatto anticipato di un mese il ciclo vegetativo.Cosa potrebbe comportare tutto questo?
Purtroppo quello che appunto si teneva e cioè la distruzione dei raccolti di frutta e verdura oltre che un pugno in faccia a chi vive di viticultura soprattutto dopo che gli stessi, lo scorso anno, hanno visto parzialmente annientata la vendemmia a seguito di un altro nemico delle viti qual è la peronospora.
Come dice giustamente Bernardi la colpa non è del freddo appena arrivato (per lo più normale che possa presentarsi in questo periodo) ma di un inverno che non è mai esistito e che ha mandato in confusione l'intero sistema vegetativo.




Purtroppo, come detto, dopo la brinata che ha colpito diverse zone d'Italia e in maniera particolare le valli interne, nei prossimi giorni, a partire da stanotte, non mancheranno possibili brinate a bassa quota.
Una notizia che dovrebbe infastidire tutti compresi quei freddofili kamikaze che con troppa enfasi gioiscono nel vedere fiocchi di neve cadere fuori stagione.
Ma tant'è..."
( A cura di Mauro Nardella)




Nessun commento: