ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Israele verso la risposta all'Iran: "Attacco imminente"- Amadeus divorzia dalla Rai- L'Iran: "Se Israele risponderà, reagiremo più duramente"- L'Iran invoca il diritto all'autodifesa "Non avevamo altra scelta"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Roma-Pescara:Rfi aggiudica raddoppio Interporto-Manoppello-Scafa - Marsilio, confronto e condivisione sulle sfide che ci attendono- Montesilvano:Tragico schianto, con l'auto contro un muro di cemento: morti due giovani-

Sport News

# SPORT # Risultati calcio a 5 SULMONA FUTSAL BATTE SAN MARZANO E CHIUDE AL 2° POSTO, PLAYOFF COL TERZIGNO

IN PRIMO PIANO

NEWECOSMART: PRESENTATO IL PROGETTO SPERIMENTALE EUROPEO A PACENTRO

PACENTRO - " È l'università Federico II di Napoli con gli esperti Lorenzo Mercurio (Unina), Erminia Attaianese (Diarc) e Maddalena ...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

giovedì 25 gennaio 2024

SANITÀ, FINA (PD): “SALVIAMO LA SANITÀ PUBBLICA E UNIVERSALISTICA DALLA SCURE DELLA DESTRA”

ROMA - “Serve una grande mobilitazione in tutto il Paese per salvare un diritto fondamentale delle persone e una conquista di civiltà e il Partito Democratico è impegnato a tutti i livelli affinché la sanità pubblica e universalistica, messa a rischio dalla destra al Governo del Paese e delle regioni, sia tutelata e sostenuta - afferma il senatore del Partito Democratico Michele Fina - Le scelte del Governo Meloni non sono né inconsapevoli né frutto di superficialità: rispondono ad una precisa strategia che vuole svuotare la sanità pubblica a favore di un modello privatistico e assicurativo. Lo ha dimostrato una volta di più il question time di ieri alla Camera dei Deputati, durante il quale la Presidente del Consiglio si è limitata a dare colpe al passato e a fornire nessuna risposta su presente e futuro. Nel Paese reale la privatizzazione strisciante del servizio sanitario è già in corso: le inaccettabili liste di attesa inducono le persone a rivolgersi ai sempre più numerosi poliambulatori e centri medici privati che nascono intorno alle strutture pubbliche e che danno una risposta alla domanda di salute cui il pubblico non risponde. Alternativa ultima, oltre questo, la rinuncia alle cure. Una situazione che sarà purtroppo ulteriormente aggravata dall'autonomia differenziata: non vogliamo e non possiamo lasciare ai nostri figli un Paese così diseguale e iniquo”.

Nessun commento: