ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Usa 2024, la direttrice del Secret Service: "Abbiamo agito rapidamente"- L'omicidio di Giulia Cecchettin, il 23 settembre processo a Filippo Turetta- Meloni a Bagnoli per il protocollo d'intesa: "Cambieremo le cose"- Trump a Milwaukee per la convention Gop, scende dall'aereo e alza il pugno-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Sentenza choc per sisma L'Aquila, morte colpa di 7 giovani - Avvisi fiscali post-termini con proroga Covid, proteste utenti- Abruzzo ancora nella morsa del caldo, sfiorati i 43 gradi -

Sport News

# SPORT # Calcio: parte il ritiro del Pescara, lascia il ds Delli Carri- La Spagna campione Europa 2024, battuta l'Inghilterra 2 - 1 - Calcio: il Pescara ufficializza il tecnico Baldini-

IN PRIMO PIANO

GIOSTRA CAVALLERESCA 2024, AL VIA I LAVORI PER ALLESTIRE IL CAMPO DI GARA IN PIAZZA GARIBALDI

SULMONA - " Mezzi in azione da questa mattina nella centralissima piazza Garibaldi di Sulmona per allestire il campo di gara della Gios...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

lunedì 30 ottobre 2023

"TEMPI DURISSIMI PER CHI ABBANDONA I RIFIUTI. PREVISTA UN'AMMENDA FINO A 10.000 EURO"


L'AQUILA - "Una delle deprecabili azioni umane capace di trasformare la convivenza civile in carta straccia è rappresentata dall'insano gesto di buttare rifiuti ovunque.
Da alcuni giorni chi sarà colto nell'intento di farlo sarà sottoposto ad una vera e propria batosta.
L'abbandono dei rifiuti, infatti, da semplice illecito amministrativo è  considerato a tutti gli effetti reato contravvenzionale con tanto di pena connessa la cui ammenda potrà raggiungere anche i 10.000 euro.
Questa è la novità introdotta dal D.L. n. 105/2023, convertito dalla L. n. 137/2023.
In particolare, il comma 1, dell’articolo 6-ter, della L. n. 137/2023, di conversione del D.L. n.105/2023, modifica il comma 1 dell’articolo 255 (rubricato: Abbandono di rifiuti) del D. Lgs. 152/2006, prevedendo la trasformazione da illecito amministrativo a reato contravvenzionale la fattispecie di abbandono di rifiuti. La sanzione amministrativa da 300,00 a 3.000,00 euro viene trasformata alla previsione della pena dell’ammenda da 1.000,00 a 10.000,00 euro. Aumentata fino al doppio se l’abbandono riguarda rifiuti pericolosi. Il nuovo comma 1 stabilisce testualmente: «1. Fatto salvo quanto disposto dall'articolo 256, comma 2, chiunque, in violazione delle disposizioni degli articoli 192, commi 1 e 2, 226, comma 2, e 231, commi 1 e 2, abbandona o deposita rifiuti ovvero li immette nelle acque superficiali o sotterranee è punito con l'ammenda da mille euro a diecimila euro. Se l'abbandono riguarda rifiuti pericolosi, la pena è aumentata fino al doppio». 




«Quando l'inquinamento è prodotto in un'area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, ovvero in danno di specie animali o vegetali protette, la pena è aumentata da un terzo alla metà. Nel caso in cui l'inquinamento causi deterioramento, compromissione o distruzione di un habitat all'interno di un'area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, la pena è aumentata da un terzo a due terzi».




 «Quando il disastro è prodotto in un'area naturale protetta o sottoposta a vincolo paesaggistico, ambientale, storico, artistico, architettonico o archeologico, ovvero in danno di specie animali o vegetali protette, la pena è aumentata da un terzo alla metà».
Insomma gli sporcaccioni sono avvisati".
MN

Nessun commento: