---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Auto nel giardino di un asilo all'Aquila. Un bimbo è morto, 5 feriti - Stefania Craxi presidente della Commissione. Ira del M5s: 'Vogliono farci fuori, emarginarci'- Ai non vaccinati over 50 in arrivo 1,2 milioni di multe- 'Ok Finlandia-Svezia nella Nato'. Russia, via 24 diplomatici Italia- Finlandia e Svezia chiedono adesione a Nato.'La Duma valuta ritiro Mosca da Oms e Wto'- Gb: inflazione di aprile al 9%, la maggiore da oltre 40 anni- .

news

TOP NEWS

TOP NEWS

PRIMO PIANO

LIRIS: DOLORE E CORDOGLIO PER INCIDENTE ASILO

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - SULMONA: ZINGARETTI "IL TEMPO DELLA BUONA POLITICA"

VIDEO IN PRIMO PIANO - SULMONA FUTSAL IN SERIE B

mercoledì 30 marzo 2022

PERSONALE REGIONE, LIRIS: OK A PROGRESSIONE ORIZZONTALE DIPENDENTI

L’AQUILA – La Giunta regionale dell’Abruzzo, su proposta dell’assessore al Personale Guido Liris, ha approvato l’autorizzazione alla sottoscrizione definitiva dei criteri di progressione economica orizzontale (Peo) per gli anni 2019, 2020 e 2021.In buona sostanza, i dipendenti di categoria A, B e C, in base a criteri ben determinati e previsti dalla legge e dal contratto collettivo nazionale di lavoro, potranno vedersi aumentare la loro posizione orizzontale, percependo dunque una retribuzione maggiore a parità di prestazioni lavorative, dopo il superamento di una selezione impostata su valutazioni di merito, di esperienza e di professionalità acquisite.“Dopo un proficuo confronto con le organizzazioni sindacali, che ringrazio”, spiega Liris, “si è proceduto alla sottoscrizione dell’ipotesi di contratto collettivo integrativo sui nuovi criteri per l’attribuzione della Peo. Con la delibera approvata, viene autorizzato il direttore generale della Giunta, presidente della delegazione trattante, alla sottoscrizione definitiva dell’ipotesi di contratto collettivo integrativo”.L’esecutivo, sempre su proposta dell’assessore al Bilancio, ha poi stanziato 300mila euro in favore del ristoro per attività culturali, assistenziali e ricreative per il personale della Giunta regionale, in ossequio al contratto collettivo nazionale di lavoro e ai quali si può accedere se si rispettano requisiti ben precisi, come ad esempio un reddito familiare inferiore a 90mila euro.

Nessun commento: