---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Kiev, distrutto oltre il 30% dei tank russi. Kadyrov, Severodonetsk in nostro controllo- Nepal, persi i contatti con aereo A bordo si trovano 22 persone- Putin a Macron e Scholz: 'Pronti al dialogo' Mosca: 'Nuovo test sul missile ipersonico'- Mosca: 'Nuovo test del missile ipersonico. Kherson ha chiuso gli accessi in Ucraina'- Trump: 'Ci riprenderemo la Casa Bianca'-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale Diretta Streaming - CENTROABRUZZONEWS

martedì 18 gennaio 2022

LINEA PESCARA-ROMA, MARCOZZI: “OPERA DI INTERESSE GENERALE PER L'ABRUZZO. NON SI PERDA DI VISTA IL RISULTATO FINALE”

L'AQUILA - “La velocizzazione della linea ferroviaria Roma-Pescara è una priorità per l’intero Abruzzo. Parliamo di un progetto che i cittadini aspettano da decenni e che il Movimento 5 Stelle ha inserito nei programmi di governo con cui si è presentato agli abruzzesi e agli italiani. Tutti conoscono perfettamente l'importanza di portare a termine questa infrastruttura, per tale motivo ritengo urgente e necessario aprire a un confronto chiaro e onesto tra tutti gli interlocutori interessati - RFI, istituzioni di ogni ordine e grado, forze politiche tutte, cittadini e comitati - in modo da scongiurare lo stallo dell’opera, vagliare ogni possibilità e fugare ogni dubbio sulla fattibilità di varianti al progetto, così evitando, tra le altre cose, fughe in avanti di chi potrebbe farsi portavoce di richieste chiaramente irrealizzabili”.

Il commento arriva dal Capogruppo M5S in Regione Abruzzo Sara Marcozzi, che prosegue: “È evidente, infatti, che, per quanto sia importante aprire forme di dialogo dirette, sarà difficile stravolgere il progetto di ‘velocizzazione’ che, per sua stessa natura, consiste nell’affiancamento di un secondo binario a quello già esistente. Modificare il tracciato significherebbe portare avanti delle ‘varianti’, dunque un altro progetto, un nuovo progetto che potrebbe voler significare ricominciare tutto daccapo, perdere qualche altro anno e persino escludere il finanziamento con il PNRR, eventualità che - per ovvie ragioni - non possiamo permetterci neanche di valutare”.“Mai come in questo momento - conclude Marcozzi - bisogna fare grande attenzione alle promesse che si fanno e alle parole che si usano. Piuttosto, una priorità della politica dovrà essere, al termine degli ulteriori approfondimenti richiesti, assicurarsi che vengano riconosciuti nel minor tempo possibile indennizzi equi e consistenti ai cittadini che ne avranno diritto”.

Nessun commento: