---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Banda del buco a Roma. Frana tunnel, ladro incastrato- Blitz dei Nas nei parchi acquatici, il 28% è irregolare- Renzi-Calenda, accordo fatto tra Iv e Azione. Raggi: 'Il mio no è per le future alleanze'- Vaiolo scimmie: Oms, 6.217 casi nell'ultima settimana, +19%-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

IN PRIMO PIANO

"RIENTRO ITC E ITG A SULMONA"

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - SULMONA : Giostra Cavalleresca - 1^ Giornata

domenica 9 gennaio 2022

COLORI DA FAVOLA NEI CIELI D' ABRUZZO. PER IL METEOROLOGO BERNARDI IL MERITO È DA ASCRIVERE ANCHE AD ALCUNE FORMAZIONI NUVOLOSE

L'AQUILA - "Com'è noto la bandiera abruzzese consta di tre colori: il bianco della neve, l'azzurro del mare e il verde della montagna.Osservando i cieli che hanno caratterizzato gli eventi meteorologici degli ultimi giorni è risaltato in maniera incantevole il colore rosso che ha risaltato l'alba e il tramonto visti dalla Regione Abruzzo.Il tutto quasi a voler chiedere il motivo per cui nella bandiera della terra che fu di Gabriele D'Annunzio non campeggi anche questo di aspetto  cromatico.Che le albe e i tramonti abbiano da sempre rappresentato il migliore tra gli spettacoli gratuiti che la natura ci possa offrire (anche se spesso colpevolmente ne trascuriamo la maestosità) a rendere ancora più meraviglioso i loro contorni concorrono formazioni nuvolose che ne enfatizzano ancor più il gradevole aspetto.Abbiamo chiesto al noto meteorologo aquilano Stefano Bernardi la particolarità delle nubi rappresentate nelle foto poste a corredo dell'articolo ed abbiamo scoperto che in entrambe i casi si tratta di due tipologie di  altocumuli rispettivamente del tipo lenticolaris e floccus.Gli altocumuli sono particolari formazioni nuvolose costituite da piccole goccioline di acqua o finanche cristalli di ghiaccio oltre che, come abbiamo avuto modo di vedere, entità capaci di trasformare un anonimo tramonto o una qualsiasi alba in fonti d'attrazione per gli occhi di tutti e non solo dei fotografi".


Il meteorologo Stefano Bernardi


Nessun commento: