---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - E' braccio di ferro su pensioni e tasse- Preso il narcotrafficante più ricercato della Colombia- Mps: il negoziato tra Unicredit e Mef ad un passo dalla rottura- Erdogan caccia dalla Turchia dieci ambasciatori occidentali- Svolta in Austria, lockdown solo per i non vaccinati- Studio Cgil su quote 102/104. Uscite sarebbero solo 10mila- Open Arms, al via il processo a Palermo con Salvini-

news

PRIMO PIANO

E’ IN CORSO A BUSSI IL RECUPERO DI UN UOMO DECEDUTO E RIMASTO INCASTRATO TRA LE LAMIERE DELLA MACCHINA

BUSSI - Sono intervenute due squadre di terra del Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese, ancora impegnare sul luogo dell’incidente, e l’e...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

sabato 1 maggio 2021

LE OPERE DI EMANUELE MORETTI RICHIESTE PER I SET CINEMATOGRAFICI

TAGLIACOZZO - La produzione del film “Diario di spezie”, per la regia di Massimo Donati, ha richiesto a Emanuele Moretti di utilizzare le sue opere pittoriche per l’allestimento del set cinematografico. Un prestigioso riconoscimento al giovane artista che giunge da Rai Cinema e dalla “Master Five Cinematografia”, dopo che anche la “Cattleya”, una delle maggiori società indipendenti di produzione cinematografica, aveva già utilizzato le sue tele nella serie televisiva “Masantonio” con Alessandro Preziosi, che andrà in onda su Canale 5 alla fine di questo anno.“Diario di Spezie” è un film tratto dall’omonimo romanzo, che ha vinto tra l’altro il Premio “Solinas Giallonero” e che sarà in concorso ai prossi Festival di Cannes, Venezia e Berlino. Interpretata da Fabrizio Ferracane, la pellicola è stata girata in Trentino, Belgio e Germania. Ritroveremo le opere di Moretti all’interno del prestigioso “Muse” il Museo delle Scienze di Trento, progettato dall’archistar Renzo Piano.Emanuele Moretti, direttore artistico della kermesse di arte contemporanea nella Città di Tagliacozzo, è reduce dal conseguimento del Dottorato presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma, con il massimo dei voti e la lode, avendo discusso una tesi intitolata “La consapevolezza silenziosa dell’invisibile”, di cui è stata relatrice la chiar.ma prof.ssa Cecilia Casorati, Direttrice della stessa Accademia.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :