--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Figliuolo alle Regioni: Lunedì vaccini per over 40- Draghi, sulle riaperture serve un approccio graduale- Il Recovery spinge Pil Italia, in rialzo a 4,2% nel 2021- Pressing su riaperture e coprifuoco: Lunedì c'è la cabina di regia. Oggi Governo-Regioni- Stime economiche Ue, effetto Recovery fa volare il Pil- Israele chiama i riservisti 'Gli attacchi continueranno'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 21 dicembre 2020

REGIONE ABRUZZO, LIRIS: LE RISORSE PER L’EDILIZIA SANITARIA NON SONO IN DISCUSSIONE, SONO STERILI LE POLEMICHE DELL’OPPOSIZIONE

L'AQUILA - “Le risorse per gli interventi di edilizia sanitaria pubblica, riguardanti in particolare gli ospedali di Avezzano e Sulmona e la realizzazione della centrale operativa 118 a L’Aquila non sono in discussione, come pure nella programmazione della Regione Abruzzo sono previsti interventi per gli ospedali di Lanciano, Vasto, Penne e Giulianova”.Lo dichiara l’assessore regionale con delega al bilancio ed alle aree interne Guido Liris, in relazione a recenti dichiarazioni rilasciate sulla stampa da consiglieri della minoranza sull’approvazione del Defr.“C’è chi gioca artatamente a confondere il Defr, il documento di economia e finanza regionale in approvazione, con la programmazione degli investimenti per l’edilizia sanitaria prevista  dall’articolo 20 della legge 67/88 – prosegue l’assessore Guido Liris – ma si tratta di atti ben distinti, ed è evidente il solo scopo di fare polemiche strumentali da parte di alcuni esponenti dell’opposizione in consiglio regionale, che hanno parlato impropriamente di tagli alle risorse per le sedi ospedaliere“.“Non possiamo del resto accettare lezioni proprio da chi nulla di rilevante ha fatto sul fronte delle infrastrutture sanitarie, avendo avuto a disposizione una intera legislatura, e considerato altresì – conclude l’assessore Guido Liris -  che proprio il centrosinistra a guida PD, sia a livello nazionale che regionale, ha adottato da anni politiche di pesanti tagli alla sanità, penalizzando fortemente soprattutto le aree interne”.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :