--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Uccide un anziano e 2 bimbi ad Ardea e poi si suicida- Spari in strada vicino Roma. Morti anziano e due bimbi- Via all'ultimo giorno del G7, impegni 'rigorosi' sul clima- Vaccini, rischio di una frenata ma ci sono 55 milioni di dosi- Federcalcio: 'Eriksen stabile' giocatore sveglio in ospedale- La variante Delta spaventa Londra, 'rinviata la riapertura' - Ok ai richiami eterologi agli under 60 con prima dose Az- Speranza: 'Serve prudenza, in 40 milioni in zona bianca'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 4 novembre 2020

GRUPPO CONSILIARE ITALIA VIVA: "LA SITUAZIONE DELLA SANITÀ PELIGNA È ALLO STREMO SE SI CONSIDERA, OLTRE ALLA REALTÀ DELL’OSPEDALE, LA CARENZA DI PERSONALE NEI SERVIZI TERRITORIALI"


SULMONA - "La Direzione della ASL, per esigenze determinate dall’emergenza sanitaria in atto,  ha recentemente provveduto al trasferimento di otto unità infermieristiche dal presidio ospedaliero di Sulmona a quello di Avezzano e di tre unità di pari profilo dal nosocomio sulmonese a quello dell’Aquila.La perdita di unità infermieristiche in servizio presso il presidio di Sulmona,  deciso dalla Direzione della ASL in un contesto di contingente riassetto del personale infermieristico al fine di fronteggiare l’emergenza COVID nell’ospedale dell’Aquila (che ha determinato anche la mobilità di infermieri dal presidio di Avezzano a quello del capoluogo) , determina una condizione di grave carenza di personale infermieristico presso il nostro ospedale , ancora una volta immolato quale vittima sacrificale per tamponare la situazione di disagio in cui si dimenano le strutture sanitarie del territorio provinciale.Inoltre, per rimediare alla condizione deficitaria determinatasi a seguito del forzoso trasferimento di unità infermieristiche dall’Ospedale di Sulmona, i vertici della ASL hanno proceduto all’accorpamento dei reparti di ortopedia e urologia, con tangibili riflessi negativi sulla qualità e sulla quantità dell’assistenza erogata nelle unità operative di degenza e ambulatoriali del nosocomio cittadino e non si esclude che, nei prossimi giorni, altri infermieri in servizio presso l’Ospedale di Sulmona possano essere temporaneamente assegnati  presso gli ospedali dell’Aquila e di Avezzano.
I pazienti positivi al virus SARS-COV-2  vengono temporaneamente dislocati  (con una degenza anche di 3-4 giorni) , in regime di osservazione breve, nell’area dell’ex Pronto Soccorso e nella cosiddetta “area grigia”.
La situazione della sanità peligna è allo stremo se si considera, oltre alla realtà dell’ospedale,  la carenza di personale nei servizi territoriali.  
“In primis”, il Dipartimento di Prevenzione, deputato alla sorveglianza attiva, al tracciamento dei contatti e alla esecuzione dei test diagnostici alla popolazione, ossia a tutte le attività ed operazioni di prevenzione mirate al concreto  isolamento e contenimento del contagio; tale Dipartimento  è costretto ad operare solo grazie al sacrificio delle poche risorse umane e professionali allo stesso assegnate.
A fronte di tale gravissima situazione, si sconta la totale assenza di programmazione dei mesi precedenti e la assoluta incapacità di incidere sulle decisioni della ASL e della Regione da parte della politica locale, nelle sue articolazioni municipali e regionali.
Nelle scorse settimane, sono stati promossi incontri (nella sede municipale) e sono stati lanciati appelli alla ASL e alla Regione; sarebbe stato  necessario, invece, che ai vuoti proclami avessero fatto seguito richieste realistiche e proposte concrete.
Per la precisione, in relazione alla grave e cronica carenza di infermieri, più volte denunciata dalle organizzazioni sindacali,  vien fatto di chiedersi per quale motivo la ASL , nella prevedibilissima prospettiva dell’emergenza, si sia risolta solo nel primi giorni del mese di settembre ad emanare l’avviso per l’assunzione degli infermieri e non lo abbia, invece, programmato in tempo utile, ossia prima dell’estate.
Apprendiamo che il Sindaco di Sulmona ha chiesto la convocazione urgente del Comitato Ristretto dei Sindaci; si rende assolutamente necessario che, in quella sede, il Sindaco rivendichi, con forza e determinazione,  la pari dignità di tutte le realtà territoriali che compongono il territorio della ASL e che gli interessi dell’Azienda Sanitaria non coincidono esclusivamente con le prerogative, pur legittime e meritevoli di tutela, della città capoluogo.
L ’assistenza sanitaria costituisce un banco di prova importante per la qualità e la credibilità della classe politica , che  non può essere lasciato all’improvvisazione, a vacui proclami e ad effimere esternazioni".
 
Il gruppo consiliare di Italia Viva

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :