--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - L'hub vaccinale a Roma: Mattarella visita la Nuvola. 'Teniamo duro, ce la faremo' In vigore il nuovo Dpcm.Lunedì i cambi di 'colore'- Campania rossa da lunedì. Veneto e Friuli in arancione- Superati i 3 milioni di casi.Iss: 'Contagi ora in famiglia'- Veneto e Friuli VG in arancione: Mille ricoverati a Bologna- 'Usare tutti i siti utili per la campagna vaccinale'- Decreto sostegno, stop cartelle fino al 30 aprile,riparte notifica-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 25 novembre 2020

"AD OGGI PREZZA PRIMO COMUNE A PARTIRE CON LO SCREENING TERRITORIALE DELLA REGIONE ABRUZZO"

PREZZA -"Prezza sarà uno dei primi Comune ad effettuare lo screening Territoriale promosso dalla Regione Abruzzo: inizieremo Sabato 28 Novembre".Ad annunciarlo è il Sindaco Marianna Scoccia "Tutta la popolazione di Prezza e della Frazione Campo di Fano, su base volontaria e senza prenotazione, potrà sottoporsi a tampone rapido, presso le postazioni  "Drive in" situate a Cmapo di Fano e a Prezza  nei giorni di Sabato e Domenica;Le operazioni sanitarie sono rese possibili dalla collaborazione di Medici ed Infermieri contattati dall'Amministrazione Comunale e che si sono resi immediatamente disponibili" Aggiunge il Primo Cittadino."Il Comune di Prezza ha già avviato da tempo una serrata attività di screening territoriale: iniziata a Marzo con l'acquisto di test sietologici e rafforzata ad Ottobre con l'acquisto di tamponi NASO-FARINGEI rapidi; pertanto questa Amministrazione ha già predisposto le postazioni "drive in" e reperito il personale Sanitario necessario alla somministrazione dei Test"Precisa Marianna Scoccia in relazione alle attività di prevenzione messe in campo dalla Amministrazione Comunale."Non ci siamo mai tirato indietro rispetto alle predisposizioni della regione Abruzzo anzi abbiamo fatto sempre di più di quello che ci veniva chiesto, percui abbiano aderito con convinzione alla campagna di screening più che mai necessaria, alla luce della curva epidemiologica territoriale però c’è da aggiungere che la maggior parte dell'onere organizzativo è chiaramente stata demandata ai Comuni che hanno dovuto, in pochi giorni, reperire personale sanitario ed amministrativo e strutture idonee dedicate alla somministrazione dei tamponi rapidi"Conclude Marianna Scoccia

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :