--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - La campagna vaccinale 'Superata quota 15 milioni di somministrazioni'- Sileri: 'Presto per levare coprifuoco ma riaperture irreversibili'- Domani 7 milioni a scuola: Si lavora al nuovo decreto- L'ultimo saluto a Filippo: Un minuto di silenzio in Gb- Open Arms. Salvini rinviato a giudizio: 'Scelta dal sapore politico'-

news

PRIMO PIANO

INCIDENTE STRADALE SULLA SS 17, DUE LE AUTO COINVOLTE

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 17 settembre 2020

"RINNOVATO L’UTILIZZO OBBLIGATORIO DELLE MASCHERINE ANCHE ALL’APERTO PER TUTTO IL GIORNO E SU TUTTO IL TERRITORIO COMUNALE"

SULMONA - "Rinnovato l’utilizzo obbligatorio delle mascherine anche all’aperto per tutto il giorno e su tutto il territorio comunale, tranne durante lo svolgimento di attività sportiva individuale, fino al prossimo 4 ottobre. Il sindaco Annamaria Casini ha firmato oggi l’ordinanza n 59 che prosegue l’applicazione della precedente n 50 del 28 agosto scorso e prevede altresì la sospensione dello svolgimento di tutti gli eventi pubblici, le manifestazioni e gli spettacoli di qualsiasi natura fino alla stessa data.“In considerazione dell’evoluzione epidemiologica in atto e con il permanere di un consistente numero di persone affette da Covid 19 e in sorveglianza attiva, ho ritenuto opportuno e necessario disporre ancora alcune misure restrittive in modo precauzionale e per la salvaguardia della salute pubblica, in un momento molto difficile che la nostra città sta attraversando in questi mesi e soprattutto alla vigilia dell'apertura dell'anno scolastico, che sarà per tutta la comunità un momento molto importante di grande attenzione”. E’ quanto afferma il sindaco Annamaria Casini.Restano altresì le raccomandazioni, su comportamenti corretti da assumere, agli esercenti pubblici ed in particolare ai titolari di pubblici esercizi di attenersi al rigoroso rispetto delle norme previste in materia di igiene dei locali e sanificazione continua e costante degli stessi, mettendo a disposizione all’ingresso dei locali idonee soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani e registro presenze. Ai cittadini e a tutta la cittadinanza di evitare luoghi affollati e assembramenti anche in contesti privati, evitando feste e riunioni che favoriscono la trasmissione del contagio, mantenendo comunque la distanza di 1 metro ed utilizzando gli appositi dispositivi di protezione delle vie respiratorie quando la prossimità interpersonale lo richieda. Ai cittadini che tornano da viaggi di vacanze o lavoro da altre regioni o Paesi, soprattutto se a maggiore rischio rispetto alla diffusione del Coronavirus, di comunicare alle autorità competenti il proprio rientro e di adottare in modo rigoroso le misure di prevenzione finanche  l’isolamento fiduciario nei casi previsti dalla normativa in vigore e/o quando lo richieda la prudenza nell’interesse della propria salute e quella delle persone vicine. Alle persone anziane e/o affette da patologie croniche o da plurime patologie simultanee ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare uscite dalla propria abitazione o dimora ad eccezione dei casi di stretta necessità, nonché di evitare luoghi affollati ove non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. Ai cittadini e a tutta la collettività di rispettare scrupolosamente le misure igienico – sanitarie già diramate dal Ministero della Salute e riportate nei DDPCM in vigore.
“Centrale continua ad essere comunque il tema della sanità” continua il sindaco “urgente nel nostro territorio per cui si attendono risposte decisive alle ripetute richieste rivolte ai vertici di Asl e Regione. Ci aspettavamo rinforzi sanitari inerenti i servizi in prima linea, al fine di far operare in maniera efficace nella gestione dell’emergenza. Particolarmente sofferente il servizio Igiene” conclude il sindaco “che va avanti grazie allo sforzo e all’impegno del personale in forza che, nonostante sia in numero ristretto, in maniera responsabile e puntuale garantisce con grande sforzo la gestione di questa fase emergenziale”.
 

Ordinanza N. 59 del 17/09/2020
PROPOSTA N.ro 247 del Settore SINDACO Ufficio PROTSIND
OGGETTO: Covid 19 - Misure per il contenimento del contagio

Premesso che il territorio nazionale risulta interessato dell’emergenza epidemiologica da COVID2019, e che con Delibera del 31/01/2020 il Consiglio dei Ministri ha provveduto alla “Dichiarazione dello
stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da
agenti virali trasmissibili”;
Vista la Delibera del Consiglio dei Ministri 29 luglio 2020 “Proroga dello stato di emergenza in
conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali
trasmissibili”;
Richiamati gli atti ed i provvedimenti adottati dalle competenti autorità nazionali e regionali per la
gestione dell’emergenza;
Vista l’ordinanza del Ministro della Salute del 16/08/2020, il cui art. 1, comma 1, lett. a), dispone
quanto segue:” Ferme restando le disposizioni di cui all'art. 1 del decreto del Presidente del Consiglio dei
ministri 7 agosto 2020, citato in premessa, ai fini del contenimento della diffusione del virus
COVID-19 sono adottate le seguenti ulteriori prescrizioni: a) e' fatto obbligo dalle ore 18,00 alle ore 06,00
sull'intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie anche all'aperto, negli spazi di
pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie,
lungomari) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura
spontanea e/o occasionale”;
Visto l’art. 1 comma 2 del D.P.C.M. 7/09/2020 che ha confermato sino al 7/10/2020 le disposizioni
contenute nell’ordinanza del Ministro della Salute del 16/08/2020;
Dato atto che, al fine di garantire la massima attuazione al suddetto provvedimento, è stata adottata
da ultimo l’ordinanza sindacale n. 50 del 28/08/2020, con efficacia fino al 13/09/2020;
Vista la O.P.G.R. n. 82 del 09/09/2020 e le relative speciali misure restrittive, la cui efficacia risulta
cessata;
Vista la nota prot. 201152/20 del 17/9/2020 con cui la ASL n. 1 – Dipartimento di Prevenzione, ha
comunicato il nominativo dell’ultimo caso accertato di Covid-19 e i relativi contatti stretti rilevati, nonché la
ultima comunicazione della Prefettura- Utg di l’Aquila pervenuta e recante i dati aggiornati al 14/09/2020
sulla situazione di contagio sul territorio comunale, superiore alle 70 unità;
Ritenuto dover mantenere in vigore le suddette misure di protezione, in ragione del numero dei
contagi rilevati e del numero di persone poste in sorveglianza attiva, nella intera Valle Peligna, a tutela dei
beni primari che risultano esposti a grave rischio dall’evolversi della situazione come da ultimo rilevato,
nell’ottica della migliore gestione dell’emergenza e fermo il rispetto delle competenze comunali;
Viste le comunicazioni pervenute agli atti dell’Ente, relative all’esercitazione Vardirex 2020 (Varius
disaster relief management excercise) che si svolgerà nel territorio comunale il giorno 25/09/2020 con la
partecipazione di Forze Armate, Dipartimento di Protezione Civile, Protezione Civile dell’Associazione
Nazionale Alpini (ANA) e Croce Rossa Italiana, inerente le operazioni di protezione civile da porre in atto a
seguito del simulato verificarsi di più eventi calamitosi (Sismico, idrogeologico ed Incendio Boschivo) nel
contesto di uno scenario emergenziale complesso che si sviluppa durante una pandemia;
CITTÀ DI SULMONA - partenza - Prot. 36224/PROT del 17/09/2020 - titolo XIV - classe 01
REGISTRO DELLE ORDINANZE SINDACALI n.ro 59 del 17/09/2020
Dato atto che l’esercitazione di collaborazione civile-militare per interventi in caso di catastrofi
nazionali, sopra richiamata, è inclusa in un più ampio programma che si svolgerà tra il 23 ed il 26 settembre
2020 in provincia de L’Aquila, e riveste particolare importanza strategica in quanto finalizzata alla gestione
di scenari emergenziali complessi;
Ritenuto di sospendere lo svolgimento di tutti gli eventi pubblici, le manifestazioni e gli spettacoli di
qualsiasi natura, salvo quanto meglio precisato in parte dispositiva in relazione alla esercitazione sopra
riferita;
Visti:
 il Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n.112;
 il D.Lgs. 2/01/2018 n. 1;
 l’art. 50 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n.267;
 l’ordinanza del Ministro della Salute del 16/08/2020;
 l’art. 32 della L. 833/1978;
Atteso che i destinatari della presente ordinanza sono tenuti all’osservanza immediata delle disposizioni ivi
dettate;
ORDINA
1. È fatto obbligo su tutto il territorio comunale, fino al giorno 04/10/2020 e per l’intero arco delle 24
ore della giornata, di utilizzare protezioni delle vie respiratorie anche all’aperto negli spazi pubblici;
2. E’ sospeso lo svolgimento di tutti gli eventi pubblici, le manifestazioni e gli spettacoli di qualsiasi
natura;
3. Di precisare che l’esercitazione Vardirex 2020 non è inclusa nella sospensione di cui al punto n. 2, in
quanto trattasi di operazione di addestramento di protezione civile che riveste particolare importanza
strategica in quanto finalizzata alla gestione di scenari emergenziali complessi, comunque svolta nel
rispetto di ogni disposizione vigente in materia di sicurezza;
4. Di precisare non sono soggetti all’obbligo di utilizzo della mascherina coloro che svolgono attività
motoria in maniera individuale e nel rispetto delle misure di distanziamento interpersonale e altre
norme anti-Covid;
5. Di precisare che non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con
forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che
interagiscono con i predetti;
RACCOMANDA
Agli esercenti pubblici ed in particolare ai titolari di pubblici esercizi di attenersi al rigoroso rispetto
delle norme previste in materia di igiene dei locali e sanificazione continua e costante degli stessi, mettendo
a disposizione all’ingresso dei locali idonee soluzioni idroalcoliche per l’igiene delle mani e registro
presenze.
Ai cittadini e a tutta la cittadinanza di evitare luoghi affollati e assembramenti anche in contesti
privati, evitando feste e riunioni che favoriscono la trasmissione del contagio, mantenendo comunque la
distanza di 1 metro ed utilizzando gli appositi dispositivi di protezione delle vie respiratorie quando la
prossimità interpersonale lo richieda.
Ai cittadini che tornano da viaggi di vacanze o lavoro da altre Regioni o Paesi, soprattutto se a
maggiore rischio rispetto alla diffusione del Coronavirus, di comunicare alle autorità competenti il proprio
rientro e di adottare in modo rigoroso le misure di prevenzione finanche l’isolamento fiduciario nei casi
previsti dalla normativa in vigore e/o quando lo richieda la prudenza nell’interesse della propria salute e
quella delle persone vicine.
CITTÀ DI SULMONA - partenza - Prot. 36224/PROT del 17/09/2020 - titolo XIV - classe 01
REGISTRO DELLE ORDINANZE SINDACALI n.ro 59 del 17/09/2020
Alle persone anziane e/o affette da patologie croniche o da plurime patologie simultanee ovvero con
stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare uscite dalla propria abitazione o dimora, ad
eccezione dei casi di stretta necessità, nonché di evitare luoghi affollati ove non sia possibile mantenere la
distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
Ai cittadini e a tutta la collettività di rispettare scrupolosamente le misure igienico – sanitarie già
diramate dal Ministero della Salute e riportate nei DDPCM in vigore.
AVVERTE
Avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso al tribunale amministrativo regionale, sezione
territoriale de L’Aquila, ai sensi del Decreto Legislativo 02/07/2010, n. 104, previa notifica a questa
Amministrazione, entro 60 giorni dalla conoscenza dello stesso provvedimento, oppure il ricorso
straordinario al Capo dello Stato ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 24/11/1971, n. 1199,
entro 120 giorni dalla stessa data.
Le forze dell’ordine presenti sul territorio sono incaricate della vigilanza e dell’esecuzione del presente
provvedimento.
L’inottemperanza a quanto disposto con la presente ordinanza è sanzionata a norma dell’art. 4 del D.L. 19
del 25/03/2020, conv. L. 35 del 22/05/2020.
DISPONE
che la presente ordinanza sia trasmessa a:
- Prefettura di L’Aquila – U.T.G., via pec
- SOUP della Protezione Civile della Regione Abruzzo via pec dpc030@pec.regione.abruzzo.it,
salaoperativa@regione.abruzzo.it
- Amministrazione provinciale dell’Aquila, via pec
- Carabinieri Comando Compagnia di Sulmona, via pec
- Commissariato di P.S. di Sulmona, via pec
- Guardia di Finanza Comando Compagnia di Sulmona, via pec
- Comando di Polizia Locale, Sede
IL SINDACO
 Dott.ssa Annamaria Casini


Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :