--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Covid: in Gb forte calo dei casi, 6500 su 863.000 test- PD: Zingaretti, basta stillicidio, mi dimetto da segretario - In crescita la povertà assoluta: Dato record degli ultimi 15 anni- 'I vaccini anche in azienda per i lavoratori più esposti'- Vaccini, l'Italia blocca l'export di dosi Astrazeneca- L'Ema ha avviato l'esame del vaccino Sputnik V- Il virus continua a correre l'Italia rischia nuove chiusure- Scuola: Bianchi, percorsi individuali non tutti in classe a giugno- Bertolaso: 'Tutta l'Italia si dirige verso la zona rossa'- Ipotesi due miliardi ai vaccini, stop licenziamenti fino a giugno-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 3 settembre 2020

"APPARECCHIATURA PER L’ANALISI RAPIDA DEI TAMPONI, È IN CORSO UNA GARA PER L’ACQUISTO DI NUOVE STRUMENTAZIONI"

SULMONA - "In merito alla mia richiesta delle scorse settimane di dotare l'ospedale di Sulmona di APPARECCHIATURA PER L’ANALISI RAPIDA DEI TAMPONI, la Asl1 mi ha comunicato che è in corso una gara per l’acquisto di nuove strumentazioni che dovrebbero essere dislocate anche nelle sedi periferiche.Mi auguro che la procedura si svolga in tempi rapidi e che l’Azienda decida di delocalizzare tali apparecchiature come da mia richiesta anche a Sulmona, a supporto della nostra attività ospedaliera per favorire la gestione di questa emergenza con tutte le carte in regola e in modo strutturato.Anche perché i nuovi casi in questi due giorni hanno dimostrato che il contagio non è affatto sotto controllo e inoltre dovremmo conviverci per molto tempo.
In 48 ore da 47 abbiamo raggiunto 56 casi accertati a Sulmona con un incremento di circa il 20% ed in Valle Peligna da 81 a 106 con un aumento di circa il 30%"afferma il sindaco Annamaria Casini."Preoccupa il nuovo caso riscontrato nella casa di riposo a Sulmona dove entro oggi, come mi hanno comunicato i sanitari, si procederà a fare i tamponi a tappeto a tutti gli ospiti e agli operatori della struttura.Altro fronte importante e da attenzionare è a Bugnara, dove i casi sono raddoppiati.Non c’è da fare allarmismo, ma certo non si può stare tranquilli.Il nostro sistema sanitario si sta sottoponendo a una prova dura considerando che i 2/3 dell’attività provinciale sul fronte Covid sono proprio in Valle Peligna.Per questo servono rinforzi ora, come sto ripetutamente chiedendo da settimane, ed anche in occasione dell’incontro di martedì mattina con vertici Asl e Regione, per un aiuto concreto e tempestivo nel garantire l’ulteriore personale necessario a supporto del Pronto Soccorso, del Distretto e del Servizio Igiene che stanno sostenendo in queste settimane ritmi pressantissimi"conclude il sindaco Casini.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :