ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Ebbero una "condotta incauta", sentenza choc per sette morti del terremoto dell'Aquila- Mario Cerciello, concessi i domiciliari a Hjorth: andrà dalla nonna al mare- Usa 2024, la direttrice del Secret Service: "Abbiamo agito rapidamente"- L'omicidio di Giulia Cecchettin, il 23 settembre processo a Filippo Turetta-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Sentenza choc per sisma L'Aquila, morte colpa di 7 giovani - Avvisi fiscali post-termini con proroga Covid, proteste utenti- Abruzzo ancora nella morsa del caldo, sfiorati i 43 gradi -

Sport News

# SPORT # Calcio: parte il ritiro del Pescara, lascia il ds Delli Carri- La Spagna campione Europa 2024, battuta l'Inghilterra 2 - 1 - Calcio: il Pescara ufficializza il tecnico Baldini-

IN PRIMO PIANO

REGIONE: CONSEGNATO A MARSILIO DALLA PRO LOCO DI SAN SALVO IL NUOVO STEMMA FATTO ALL'UNCINETTO

PESCARA - " Il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, e l'assessore allle Attività produttive, Tiziana Magnacca, questo...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

domenica 16 giugno 2024

AGRICOLTURA: SICCITÀ SUL TAVO A RISCHIO IL FAGIOLO TONDINO, PRODOTTO DI NICCHIA


PESCARA - "Quest'anno, a causa delle scarse precipitazioni la diga di Penne non si è riempita e l'acqua per l'irrigazione non è sufficiente per tutta la stagione estiva ed è a rischio la produzione del Tondino del Tavo, un fagiolo abruzzese, prodotto di nicchia che viene seminato più tardi rispetto agli altri legumi". A lanciare l’allarme è stato Marco Finocchio, presidente dell'associazione 'L'Abruzzo in agris' riferendosi che l'invaso artificiale che a Penne dovrebbe garantire le colture degli agricoltori, in provincia di Pescara,  è quasi vuoto. "Nella valle del Tavo non si ha praticamente la possibilità di irrigare. Tutti coloro che in valle hanno messo culture con doppia raccolta rischiano di perdere la seconda produzione - ha aggiunto Finocchio - Il Consorzio di bonifica Centro ha in mente un progetto che potrebbe risolvere il problema anche per il futuro. Un progetto su cui ci siamo confrontati nella riunione del 4 giugno a Loreto Aprutino e che garantirebbe la possibilità di attingere l'acqua dalla val Pescara per distribuirla nella rete idrica della valle del Tavo - ha continuato - Il lungo commissariamento del Consorzio di bonifica, risolto quest'anno con la nuova dirigenza, e le tante criticità impongono di necessità che la Regione sostenga il progetto che è indispensabile realizzare - ha concluso - Il fagiolo 'tondino del Tavo' viene seminato adesso e non c'è possibilità, al momento, di attingere l'acqua da un'altra parte anche perché il fiume Tavo é quasi asciutto, non possiamo rinunciare alle nostre specialità garantite dalla grande biodiversità offerta dalla nostra regione per carenze idriche occorre intervenire ora e garantire l'acqua necessaria per portare avanti le nostre produzioni tipiche apprezzate in tutto il mondo. Il fagiolo tondino del Tavo è una varietà rustica, da un lato i grandi massicci della Maiella e del gran Sasso forniscono riparo dai venti occidentali. Piccolo e tondo, dal bianco all’avorio, il tondino del Tavo ha ottime proprietà nutrizionali e una buccia sottilissima che ne consente una cottura rapida e facile digestione. La semina è prevista per la metà di giugno e l’irrigazione è indispensabile nei momenti di scarsa piovosità che coincidono con il periodo di ingrossamento dei baccelli nel cuore dell'Estate".(ANSA)

Nessun commento: