ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Il Papa: "Non volevo offendere, nella Chiesa c'è spazio per tutti"- Putin, "gli istruttori occidentali sono già in Ucraina"- La premier saluta De Luca: "Sono "quella stronza" della Meloni, come sta?"- Putin avverte la Nato: "Serie conseguenze se saranno usati missili contro di noi"- Mattarella: "Oggi la Repubblica è piazza della Loggia. I collusi con i terroristi hanno tradito l'Italia"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Danni da peronospora, i sindaci chiedono tempi certi per gli aiuti - Ladri all'Agenzia delle Entrate a Pescara, rubati oggetti dei dipendenti- Granelli, 125mila Pmi pioniere dell'IA, ma manca personale-

Sport News

# SPORT # Il Sulmona futsal è in finale: a Faenza per la A2- Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km -Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

SI SONO APPENA CONCLUSI I CAMPIONATI ITALIANI SU STRADA DELLE CATEGORIE ALLIEVI JUNIORES E SENIORES E MARATONA A SAN BENEDETTO DEL TRONTO

SAN BENEDETTO DEL TRONTO - "Grande successo della Rolling che ha conquistato il titolo Italiano di società su 104 società italiane part...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

lunedì 29 aprile 2024

RONCI: "IL 31/12/2041 SULMONA AVRÀ APPENA 16.000 ABITANTI"


SULMONA - "L’Istat ha effettuato le previsioni sull’evoluzione della popolazione dei comuni italiani con più di 5.000 abitanti fino al 2041. Aldo Ronci ha elaborato i dati Istat in un report che viene distribuito assieme al presente comunicato.La dinamica demografica e gli indici analizzati nel report dovrebbero allarmare i responsabili della cosa pubblica a qualsiasi livello e i cittadini.
Preoccupante, invece, il silenzio in proposito, a più di un mese dalla diffusione dei dati Istat.
L’argomento è di tale gravità che dovrebbe essere al centro di un sistema di interventi che si
sviluppino lungo il corso dei prossimi decenni.IL 31/12/2041 SULMONA AVRÀ APPENA 16.000 ABITANTI.Tra il 31.12.22 e il 31.12.41 (in 19 anni) decrescerà del 24,47% con un’intensità pari a 5 volte quella dell’Italia (4,83%) e 3 volte quella dell’Abruzzo (8,33);
• perderà ¼ della popolazione che si attesterà sui 16.744 abitanti e tornerà ad avere gli
stessi abitanti di un secolo e mezzo fa (intorno al 1875);
• si classificherà ultima nella graduatoria regionale dei comuni con più di 15.000 abitanti.
La vistosa e allarmante decrescita è caratterizzata da:
• un altissimo indice di dipendenza strutturale espresso dal rapporto tra la popolazione
inattiva e quella attiva. Sulmona arriverà ad avere un numero di abitanti inattivi
pari al doppio di quelli attivi, ciò che rappresenta un carico sociale ed economico
molto pesante e deve far riflettere sui gravissimi risvolti che esso avrà sulla comunità
peligna;
• da una quota di invecchiamento molto elevata che sarà pari al 43% che costituirà un
fardello rilevante che peserà sulla collettività.
• da una fortissima flessione dei giovani in età di obbligo scolastico che registrerà una
decrescita del 42,99% e sarà di intensità doppia rispetto a quella italiana che
annoterà un decremento del 21,49%. Tale fortissima flessione comporterà quasi il
dimezzamento del numero di classi e di insegnanti.
La flessione pesantissima della popolazione di Sulmona determinerà, di conseguenza, una
poderosa diminuzione delle quantità e della qualità dei servizi: sanità, istruzione. trasporti,
giustizia, uffici amministrativi, uffici finanziari, banche, forze dell’ordine e, peraltro, si verificherà
anche un acuirsi della svalutazione del patrimonio edilizio e un incremento del numero di
immobili sfitti.
No alla rassegnazione ma si alla mobilitazione per due obiettivi prioritari di carattere
regionale:
• incremento dell’occupazione;
• sviluppo e riequilibrio dei territori regionali in particolare di quello peligno che è quello
che soffre più di tutti".
Angelone Luciano, Avallone Franco, Colaiacovo Vincenzo, D’Addamio Gianna, Di Fonzo Rino,
Evangelista Giuseppe, Figorilli Angelo, Gravina Gabriele, Guerra Mariachiara, La Civita
Franco, Politi Fabrizio, Ruscitti Giovanni, Sciuba Lando, Tempesti Maurizio, Tirabassi Luca

Nessun commento: