ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Guterres, decisioni dell'Aja vincolanti, siano rispettate - La Corte internazionale di giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah - Approvato il decreto salva-casa. Anche la Commissione per i conti dei club sul tavolo-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Da Sulmona a Tropea, il 'mangiaplastica' ora in 121 Comuni- A 80 anni da bombardamento, Avezzano ritrova nomi delle vittime - Lago di Scanno, lavori di messa in sicurezza delle sponde- L'Aquila si prepara ad accogliere lo show acrobatico delle Frecce Tricolori, lo spettacolo che accenderà il cielo aquilano nel fine settimana del 25 e 26 maggio-

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

PREMIO BENEDETTO CROCE, ASSEMBLEA CONCLUSIVA A POPOLI TERME DELLE GIURIE POPOLARI

POPOLI - "Le 52 giurie popolari del Premio Nazionale di Cultura Benedetto Croce di Pescasseroli,  XIX edizione, si sono riunite a Popol...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

sabato 13 aprile 2024

RAIANO: "I NOSTRI TERRITORI NON POSSONO PERMETTERSI DI PERDERE LE SCUOLE"


RAIANO - "Ed invece è proprio quanto si rischia che accada nelle nostre Aree Interne o meglio a Castelvecchio Subequo, plesso scolastico di Raiano, perché lì si prevede di istituire una pluriclasse – prima e terza media - a far data dal settembre 2024.Se è vero che la normativa scolastica, viste certe condizioni, obbliga a ciò, è pur vero che non tutto è misurabile con lo stesso metro: le Aree Interne sono territori sofferenti e l’eccezione alla normativa, questa volta, va fatta perché è cosa giusta.
I giovani delle Aree interne devono avere le medesime opportunità e gli stessi diritti di quelli che abitano nelle grandi città.La Scuola è presidio civile, sociale e culturale. Bisogna perciò individuare le azioni migliori per superare le criticità nel rispetto di tutti poiché la Scuola è linfa per il presente e per la programmazione di un futuro migliore; perdere la Scuola significherebbe accelerare la desertificazione di un territorio già debole, annullare ogni potenzialità di sviluppo e bocciare una Comunità rimandandola, nel migliore dei casi, nel passato di “Un mondo a parte”.
 È dunque necessario comporre un progetto delle istituzioni scolastiche inclusivo che sostengano lo sviluppo e la valorizzazione del territorio, un progetto che sostenga tutto il potenziale esistente.
 L’Amministrazione di Raiano sostiene i sindaci di Castelvecchio Subequo, Secinaro, Gagliano Aterno, Molina Aterno, Castel di Ieri e Goriano Sicoli, la comunità scolastica, i ragazzi e i genitori nella rivendicazione di una scuola “presente” per chiedere “la modifica di norme e gli adeguati interventi legislativi anche attraverso il coinvolgimento della politica regionale e nazionale”.
In maniera particolare rivolgiamo un invito a portare avanti queste rivendicazioni che vengono dai territori e per i territori alle rappresentanti locali elette nel Consiglio Regionale, Antonietta La Porta, Maria Assunta Rossi e Marianna Scoccia, certi del loro lavoro, affinché possano dare seguito alle legittime istanze della valle Subequana ma che sono anche di tutte le realtà simili.
Non è più accettabile che gli investimenti, i servizi, i trasporti vengano decisi sulla base della valutazione costi – benefici.
È proprio vero il contrario: se i servizi ed i collegamenti vengono garantiti, le aree interne hanno la speranza di esistere.
“Affinché la gente a valle stia bene, è necessario che stia bene la popolazione a monte.”
L’ Amministrazione Comunale di Raiano

Nessun commento: