ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Tajani, "il governo è impegnato su tre riforme fondamentali"- Bonino: "Dialogo con Calenda? Dobbiamo farlo e sbrigarci"- Duemila persone sepolte dalla frana in Papua Nuova Guinea - "Raid di Israele su una zona umanitaria di Rafah"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Ladri all'Agenzia delle Entrate a Pescara, rubati oggetti dei dipendenti- Granelli, 125mila Pmi pioniere dell'IA, ma manca personale- Air Show annullato dopo la tragedia all'Aeroporto dei Parchi - Cartoons on the Bay, a Pescara 300 opere da 50 Paesi -

Sport News

# SPORT # Skyrace del Mammut, vincono Forconi e Pallini nella 21km - Sulmona Futsal batte Cures 6 - 2 nell'andata della seminfinale - Il Napoli in ritiro a Castel di Sangro dal 25 luglio-

IN PRIMO PIANO

GRANDE SUCCESSO A ZANTE PER LA DELEGAZIONE DELLA GIOSTRA CAVALLERESCA DI SULMONA

SULMONA - " È stato il cavaliere Spiros Tzurakis a vincere il palio della Giostra di Zante e a portare via a cavallo, come da tradizion...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

domenica 21 gennaio 2024

SERVIZIO 118 AREA PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO:"OLTRE 1.500 FIRME RACCOLTE IN MENO DI UNA SETTIMANA"

L'AQUILA - "Straordinaria partecipazione alla raccolta firme per la sanità pubblica, universale, gratuita e di prossimità nelle aree interne.Sono oltre 1500 le firme raccolte in meno di una settimana a sostegno dell’iniziativa avviata dalla CGIL della Provincia dell’Aquila e dal Comitato Civico Cittadini e Territorio Ponte Giovenco per chiedere il ripristino immediato del servizio di 118 con ambulanza medicalizzata e del servizio di continuità assistenziale (guardia medica) nell’area del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise. La petizione ha rappresentato un momento di straordinaria partecipazione di donne e uomini di una comunità resistente che si batte contro una grave desertificazione sanitaria nelle aree interne della nostra regione. Tale situazione sta compromettendo il diritto alla salute ed alle cure, nella totale disattenzione della ASL Avezzano Sulmona L’Aquila e della Regione Abruzzo. Il testo della petizione, con le relative firme allegate, sarà inviato nei prossimi giorni al Prefetto dell’Aquila, all’Assessore Regionale alla Salute ed al Direttore Generale della ASL, affinché si trovi una soluzione definitiva e strutturale alle gravi mancanze sanitarie che persistono ormai da troppo tempo. Potenziare il servizio di emergenza/urgenza e la medicina territoriale vuol dire riconoscere finalmente che le aree interne hanno pari dignità rispetto a qualsiasi altra area della nostra regione, superando, una volta per tutte, lo stato di precarietà e solitudine che sta affliggendo le comunità che le abitano.

La crisi cronica della sanità pubblica nelle aree interne in termini di efficacia ed equità rappresenta l’espressione più evidente del mancato riconoscimento dei diritti di cittadinanza sociale nella nostra provincia, che necessita di una seria programmazione della sanità di prossimità attraverso la fornitura di servizi sanitari primari e di base nelle aree geograficamente più remote, per garantire un accesso equo e adeguato all’assistenza sanitaria per tutte le persone, indipendentemente dalla loro posizione geografica.

La nostra mobilitazione continuerà anche nei prossimi giorni se non dovessero arrivare le necessarie soluzioni.

La prossima tappa della mobilitazione sarà una manifestazione sotto la Direzione Generale della ASL Avezzano Sulmona L’Aquila che vedrà anche la consegna delle firme raccolte. Continueremo a chiedere ascolto affinché si realizzino tutti gli interventi utili per riconsegnare dignità alle persone, attraverso il riconoscimento di un diritto fondamentale ed universale come quello alla salute ed alle cure".


CGIL della Provincia dell’Aquila

Nessun commento: