ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Per i Ponti 16 milioni di partenze e 5,5 miliardi di spesa - Israele, ondata di attacchi in Libano dopo lancio di razzi - Via libera dell'Eurocamera al Patto di stabilità, lo votano solo 4 italiani. Gentiloni: "Un buon compromesso"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Consiglio Abruzzo: Alessandrini, il piano di Marsilio è sconcertante - Detenuto tenta di evadere dall'ospedale di Teramo- A14: apre al traffico la nuova galleria Colle Marino - Patente B, in Abruzzo 4 bocciati su 10 alla teoria nel 2023 -

Sport News

# SPORT # Risultati calcio a 5 SULMONA FUTSAL, SCONFITTA DI MISURA A TERZIGNO (4 - 3): SABATO IL RITORNO

IN PRIMO PIANO

RESISTERE PEDALARE RESISTERE, UNA PEDALATA NEI LUOGHI DELLA RESISTENZA A SULMONA

SULMONA - "Giovedì 25 aprile ritorna l’annuale appuntamento per la festa della Liberazione con Resistere Pedalare Resistere, una pedala...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

martedì 23 gennaio 2024

GIORNATA INTERNAZIONALE DEGLI AVVOCATI IN PERICOLO: "I DATI ALLARMANTI SUGLI AVVOCATI IN PERICOLO NEL MONDO NON DEVONO DISTOGLIERE SULLA SITUAZIONE ITALIANA"

ROMA -"I dati allarmanti sugli avvocati in pericolo nel mondo non devono distogliere l'attenzione dalla situazione italiana e, più in generale, europea". Lo ha affermato l'avvocato Aldo Luchi, componente dell'Organismo Congressuale Forense in occasione del convegno "Il pericolo di essere avvocati", promosso dall'AIGA – Associazione Italiana Giovani Avvocati in occasione della Giornata Internazionale degli avvocati in pericolo (24 gennaio)."Le minacce hanno molteplici forme e il ruolo di difensore dei diritti fondamentali che gli avvocati ricoprono li espone, oggi più che mai, al pericolo di essere bersaglio di azioni che nascono dall'intolleranza e da un giustizialismo becero che tende a sovrapporre il difensore con il proprio assistito e la difesa dell'imputato con la difesa del reato", ha detto Luchi, "Gli esempi di integrità e fedeltà alla toga che hanno dato Fulvio Croce, Serafino Famà e Giorgio Ambrosoli, per ricordarne soltanto alcuni, non possono supplire all'obbligo degli Stati di predisporre strumenti idonei ed efficaci a tutela dell'indipendenza e dell'incolumità degli avvocati".

Nessun commento: