ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Calderone: "Lotta al caporalato", da gennaio 492 morti bianche- Roberto Baggio rapinato in casa durante Spagna-Italia. Tenta di fermare i malviventi ma viene colpito alla testa- Uccide la moglie a coltellate al culmine di una lite - Leo: "Il redditometro non esiste, la norma sarà migliorata"-

news

ULTIM'ORA DALLA REGIONE

ULTIM'ORA Mutui: in Abruzzo richieste +12% nei primi quattro mesi 2024 - Assessore indagato in Abruzzo,attenzione verso di me senza senso- Marsilio "i cittadini chiedono un'Europa che faccia meno cose, ma che le faccia meglio"-

Sport News

# SPORT # Il figlio di Francesco Totti è un nuovo giocatore dell'Avezzano Calcio- Euro 2024: troppa Spagna per l'Italia, la Roja già a ottavi - Serbia - Slovenia 1 - 1-

IN PRIMO PIANO

LUCIO ZAZZARA: "IL PARCO NAZIONALE DELLA MAIELLA È APERTO A SOTTOSCRIVERE CONVENZIONI PER FAVORIRE RIPRESE ANCHE CON LA FILMCOMMISSION

SULMONA - "Il Presidente Lucio Zazzara è intervenuto a Campo di Giove ospite del sindaco Michele Di Gesualdo e di Matteo De Chellis, a ...

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

FACEBOOK LIVE CENTROABRUZZONEWS

giovedì 18 maggio 2023

UN PROGETTO DEL GAL ABRUZZO ITALICO-ALTO SANGRO: A LEZIONE DI ARROSTICINI

CASTEL DI SANGRO - "Un progetto del Gal Abruzzo Italico-Alto Sangro in collaborazione con il Consorzio tutela agnello Centro Italia per valorizzare e conoscere il vero arrosticino abruzzese. Corsi nelle scuole e nei ristoranti e un disciplinare per realizzare l'arrosticino IGP.L'obiettivo è quello di rendere più consapevoli produttori, trasformatori, ma anche gli utenti. Quelli abruzzesi e non. Perché l'accostamento tra Abruzzo e arrosticini conservi anche un valore di qualità, considerando che dei circa 1,2 milioni di capi lavorati in Italia per fare circa 1,4 miliardi di arrosticini, solo 10mila sono veramente abruzzesi.Così il Consorzio tutela agnello del Centro Italia e il Gal Abruzzo Italico-Alto Sangro hanno lanciato una campagna di consapevolezza che domani approderà al ristorante Le Grill di Castel di Sangro, ma che ha già toccato una ventina di tappe, tra ristoranti e scuole, da quelle "base" fino all'Accademia di Niko Romito.Capire qual è la differenza tra un prodotto di qualità e uno prettamente industriale, magari fatto con carni importate dall'estero, è fondamentale sia per chi opera nel settore della ristorazione, sia per chi ha la canaletta in giardino.Il progetto, finanziato dal PSL (piano di sviluppo locale) del Gal Aias, contribuirà a stilare un disciplinare dell'arrosticino IGP abruzzese: che provenga cioè da razze autoctone, sia tracciabile con Qr code e sia soprattutto di qualità."L'arrosticino si fa con la pecora – spiega Nunzio Marcelli, allevatore e presidente del Consorzio – ma visto il binomio inscindibile che si è creato tra questo prodotto e l'Abruzzo, noi dobbiamo puntare ad elevare la qualità della nostra offerta. Stiamo lavorando quindi per rendere riconoscibile un prodotto di alta qualità che utilizzi ad esempio gli agnelloni, anziché le pecore, per gli arrosticini: si tratta di pecore, cioè, che non hanno ancora raggiunto la maturità sessuale e che sono caratterizzate da una carne più magra o comunque con un grasso più digeribile. Oltre l'agnello IGP, insomma, creare l'arrosticino IGP".Il progetto del Gal Aias continuerà durante l'estate con corsi di formazione sulle carni di ovini al pascolo e sulle varie tecniche di trasformazione".

Nessun commento: