news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Von der Leyen 'Creeremo un tribunale sui crimini della Russia'- Meloni convoca i sindacati. Un tesoretto da 400 milioni- Elkann: 'Le dimissioni del Cda un atto di responsabilità'- Mattarella firma la manovra. Soglia a 60 euro per il Pos- Frana a Ischia: la Regione dice no a Calcaterra commissario- Meloni: 'Il governo durerà, la manovra non sarà stravolta'-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 31 agosto 2022

SULMONA: "NON E' STATO TRASFERITO IL COLLABORATORE DI GIUSTIZIA CHE HA AGGREDITO CON UN ESTINTORE UN AGENTE"

NARDELLA (UILPA): "POLIZIA PENITENZIARIA SEMPRE PIU' INDIFESA". SULMONA -"L'agente aggredito dal collaboratore che un mese fa gli ha scaricato addosso l'intero contenuto di un estintore a polvere migliora dal punto di vista fisico ma si mostra sempre più provato da quello psicologico.La sua guarigione, tra l'altro, è messa a dura prova dalle notizie che sente pervenire dal carcere e che vede il detenuto autore dell'insano gesto ancora tranquillamente impostato all'interno del reparto reso palcoscenico della scena del crimine e non , come sarebbe stato giusto fare ed immediatamente, trasferito in un altro istituto.Quella del trasferimento del detenuto criminogeno in altra struttura risulta essere, allo stato, l'unica forma di repressione immediata impostabile nei confronti dei soggetti riottosi e che si rendono autori di azioni prevaricatrici e violente. Se ad un mese dal fatto non ancora vengono prese contromisure di questo genere significa che qualcosa non va nelle dinamiche di salvaguardia dell'ordine precostituito.Il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria avrebbe dovuto già da tantissimo tempo prendere idonee decisioni in merito e a quanto ci è sembrato di capire, con la speranza di essere smentiti, non ancora sono state finanche pensate.Senza questi opportuni quanto auspicabili meccanismi e che, secondo la UIL PA L'Aquila, dovrebbero agire in tali casi in automatico, si hanno pochi margini di difesa dalle azioni vessatorie e violente dei detenuti male impostati dal punto di vista regolamentare.Oggi il carcere dal punto di vista disciplinare è visto in maniera diversa rispetto al passato. Se da un lato può essere visto come indice di civilismo applicato dall'altro, come nel caso di specie, qualora non si adottano metodi qual è appunto il trasferimento immediato in altra struttura e per opportunità penitenziaria del detenuto riottoso, non si offriranno mezzi utili agli addetti ai lavori per disincentivare gli indisciplinati dal compiere gesti inconsulti e spesso ricadenti nei meandri della gravità.La UIL PA sollecita quindi il trasferimento del detenuto autore del grave gesto e, insieme a lui, attesa la loro incompatibilità con un istituto qual è quello di Sulmona votato al contenimento dei loro principali “antagonisti” quali sono i detenuti ad alta sicurezza in esso presenti per il 95% dei posti occupati, di tutti i collaboratori di giustizia".

Nessun commento: