---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Pd, slitta alle 20 la direzione 'Fisiologiche discussioni'- In un anno uccise 125 donne.Più di una ogni tre giorni- Tir tampona 2 pullman in A1, morto il conducente,15 feriti- Kabul un anno dopo, le donne sempre nel mirino- L'addio a Piero Angela. Il 16 funerali in Campidoglio-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - Centroabruzzonews

sabato 6 agosto 2022

METEO BERNARDI: "MARI INTORNO ALL'ITALIA TROPPO CALDI. POSSIBILE COCKTAIL MICIDIALE PER EVENTI ESTREMI"

L'AQUILA - "La temperatura della superficie dei nostri mari è molto alta, anzi...troppo alta per non destare preoccupazione.In alcuni punti ha raggiunto addirittura i 30°C il che vuol dire ben 7 gradi in più rispetto alla media di questo periodo.-A dirlo è stato ieri sera il metereologo aquilano Stefano Bernardi in occasione di una diretta meteo straordinaria sul suo profilo Facebook ( https://fb.watch/eJMd2_me3D/).Fino ad oggi l'estate 2022 è di sicuro la più calda da quando si effettuano rilevamenti di temperatura in ambito meteorologico.- afferma Bernardi -Non è un caso quindi che questo stato di cose abbia influito sulla termicita' del Mediterraneo.Un quadro, questo, che dovrebbe destare non poca preoccupazione e che quanto meno dovrebbe metterci in una condizione di adeguata attenzione.Un cocktail micidiale quello che si  prospetterebbe soprattutto quando ad arrivare sui nostri mari saranno le perturbazioni atlantiche o le eventuali correnti di aria fresca.Queste impatterebbero su di una distesa d'acqua surriscaldata come lo è il Mediterraneo di quest'anno in grado di produrre fenomeni davvero estremi.  - afferma il metereologo aquilano- Insomma non c'è da rallegrarsi.D'altronde Bernardi è lo stesso che proprio l'anno scorso aveva gettato le basi per una tendenza previsionale ( poi verificatesi) proprio incentrata sull'eccessiva temperatura dell'acqua del mare.Una condizione successivamente confluita in uno dei periodi meteo tra i più devastanti per la Sicilia, La Calabria e parte della Puglia allorquando un Mendicane ( simbiosi tra Mediterraneo e Hurricane) si abbatté proprio su queste regioni e generatesi proprio a causa di una temperatura del mare troppo alta.La teoria sfornata non è campata in aria e il metereologo Bernardi questo lo sa benissimo.Se è vero, com'è vero, che gli uragani si formano con una temperatura dell'acqua di almeno 27°C, cosa accadrebbe se malauguratamente venissero a coniugarsi i parametri meteo con una temperatura di 3 gradi superiore?


L'unica ancora di salvezza potrebbe essere il veder permanere un regime anticiclonico sull'intero comparto mediterraneo in grado di far diminuire gradualmente il livello termico delle acque fino a riportarlo in una condizione di sicurezza.Tutto questo però significherebbe ulteriore siccità per di più in uno dei periodi in assoluto tra i meno piovosi che si ricordano.Nella diretta di ieri sera lo stesso Bernardi ha prospettato un cambiamento del tempo per la prossima settimana a cominciare da Domenica ove l'arretramento dell'anticiclone africano( causa dei "mali" di quest'anno) consentirà  l'arrivo graduale di infiltrazioni fresche capaci di generare instabilità.Questo significherà possibilità di temporali, soprattutto nel pomeriggio e talvolta di forte intensità e grandinigeni.Prestare quindi attenzione".

Nessun commento: