news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - 'Le regioni ucraine annesse, adesso pronti a negoziare'- Grande nuvola di metano sopra Norvegia e Svezia- Inflazione a settembre al 9%. La spesa mai così cara dal 1983- Prometeia taglia il pil dell'Italia di quasi 2 punti nel 2023- Kabul, kamikaze si fa esplodere oltre 30 morti in una scuola- Missili su convoglio umanitario a Zaporizhzhia, 23 le vittime- Bollette, arriva la stangata. Per la luce quasi un + 60%-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

IN PRIMO PIANO

PRATOLA PELIGNA, LA BCC È UNA BANCA "A CINQUE STELLE"

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

domenica 3 luglio 2022

"FIUME GIOVENCO, SPONDE DEVASTATE DALLE RUSPE IN PIENO PERIODO RIPRODUTTIVO DELLA FAUNA"

PESCINA - "Un corso d'acqua non è un canale artificiale, vegetazione ripariale fondamentale per la qualità dell'acqua.La sponde del fiume Giovenco a valle dell'abitato di Pescina devastate da pesanti lavori in pieno periodo riproduttivo della fauna sono l'ennesima prova della distanza siderale che esiste tra quanto richiedono gli scienziati e le normative che si occupano di corsi d'acqua e la realtà degli interventi che sconvolgono questi delicati ambienti.Gli attivisti che ci hanno segnalato i lavori in corso in questi giorni non sono riusciti a risalire alle motivazioni degli stessi ma qualsiasi esse siano non giustificano un intervento quando le sponde sono piene di nidi di uccelli e quando il sole a picco se non schermato dall'ombra delle piante ripariali determina gravi effetti anche agli organismi acquatici per via dell'aumento della temperatura dell'acqua.

Ci si lamenta delle condizioni dei fiumi abruzzesi che non rispettano gli standard di qualità comunitari. Il fiume Giovenco è tra i corsi d'acqua che mostrano da tempo forti criticità che vengono aggravate da interventi di questo genere. Le sponde sono fondamentali anche come fasce tampone rispetto alle sostanze che vengono usate nei campi circostanti.

E' veramente sconfortante che dopo tanti anni principi entrati anche nella legislazione non siano tenuti in considerazione riducendo in queste condizioni fiumi già in forte sofferenza per i cambiamenti climatici".


STAZIONE ORNITOLOGICA ABRUZZESE

Nessun commento: