news

---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - In arrivo pioggia e neve per il ponte dell'Immacolata- Città ucraine sotto attacco. Putin visita ponte in Crimea- Da 6 anni malato di sclerosi 'Aiutatemi a morire in Italia'- Un razzo caduto in Moldavia. Città ucraine sotto attacco- Il gas corre ad Amsterdam (+9,2%), timori per il freddo- Attacchi di hacker russi a siti di istituzioni italiane-

TOP NEWS

TOP NEWS REGIONE ABRUZZO

ABRUZZO DOSSIER - PREMIO AQUILA D'ORO 2022

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 4 maggio 2022

L’AQUILA, CYCLETTE DURANTE LA DIALISI E PSICOLOGI IN REPARTO PROGETTO PER MIGLIORARE LA SALUTE DEI PAZIENTI, REALIZZATO GRAZIE ALL’ASSOCIAZIONE ‘SOLIDARIETÁ E FAMIGLIA ’

Cinque biciclette stabili e due psicologi dell’Università a disposizione dei pazienti, selezionati dai medici in base alle specifiche problematiche. L’AQUILA – Fare cyclette in ospedale durante la dialisi per migliorare la salute fisica e muscolare e, di riflesso, quella psicologica del paziente.E’ l’iniziativa avviata oggi all’ospedale dell’Aquila, frutto di una sinergia tra il reparto dialisi, diretto dalla dr.ssa Marilena Tunno, affiancata nel progetto dal dirigente medico Luca Piscitani e supportata dal team degli infermieri, e l’associazione aquilana onlus ‘Solidarietà e famiglia’ che ha messo a disposizione cinque cyclette per l’unità operativa.Alcuni pazienti, avvalendosi delle biciclette stabili, hanno cominciato a fare attività fisica durante le sedute di dialisi e ciò permetterà ai medici di monitorarne periodicamente alcuni valori come colesterolo, pressione arteriosa e altri, al fine di migliorarne lo stato di salute. L’attività fisica, in particolare, consentirà di rinvigorire la muscolatura che spesso diventa meno tonica per le conseguenze dovute all’insufficienza renale.

Parallelamente a questo aspetto squisitamente fisico, il reparto assicurerà ai pazienti un sostegno di natura psicologica grazie all’opera di due psicologhe dell’Università dell’Aquila, la prof.ssa Dina Di Giacomo e la dr.ssa Federica Guerra.

La combinazione di esercizio fisico e supporto psicologico rientra in una visione medica più ampia che ha l’obiettivo di curare non solo la patologia in sé ma anche i risvolti che riguardano psiche e personalità.  A beneficiare dell’effetto sinergico cyclette-psicologia è però solo una parte dei dializzati (che sono complessivamente oltre cento) perché i medici dovranno selezionarli in base alle rispettive problematiche sanitarie. 

“Occorre fare un doveroso un ringraziamento”, dichiara la dr.ssa Tunno, “a Cinzia Raparelli ed Ernesto Perinetti, rispettivamente presidente e segretario della onlus ‘Solidarietà e famiglia’, che ci hanno messo a disposizione le cinque cyclette. La proposta, peraltro, è partita da alcuni pazienti e si è concretizzata, in particolare, grazie alla mediazione di uno di loro, Bruno Cotellessa, che ha fatto da tramite con la onlus. Il progetto mira a curare e al tempo stesso a migliorare la qualità di vita di chi si sottopone alla dialisi”





























 










 



















Nessun commento: