---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Gli statali di nuovo in ufficio. Allo sportello dal 15 ottobre- Brusaferro: 'Curva in calo tranne nella fascia 0-9 anni'- Alitalia, Manifestanti bloccano autostrada Roma-Fiumicino - 'G20 sull'Afghanistan, evitare catastrofe'- Svolta nel caso dell'ex vigilessa. Arrestate due delle tre figlie- Draghi: 'Un Patto per l'Italia'. Asse con Confindustria-

news

PRIMO PIANO

SULMONA, DENUNCIATO UN 46ENNE PER SPENDITA DI MONETE FALSIFICATE

SULMONA - " Nel pomeriggio di ieri, i carabinieri della Stazione di Sulmona hanno denunciato un 46enne italiano, ritenuto responsabile ...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

giovedì 10 giugno 2021

CHIUSURA ANNO SCOLASTICO: "GRAZIE A TUTTI I DOCENTI PER IL LORO FONDAMENTALE LAVORO, ANCOR PIÙ DURANTE I MESI DIFFICILI DELLA PANDEMIA"

SULMONA - "Voglio ringraziare pubblicamente una  categoria che, soprattutto in questo ultimo anno, dietro le quinte ma sempre presente, ha affrontato difficoltà e superato ostacoli, prendendo per mano i nostri figli ed accompagnandoli verso sempre nuovi traguardi: gli Insegnanti" Esordisce così il Consigliere Regionale Marianna Scoccia alla vigilia della chiusura dell'anno scolastico.
"Ho due bambini che frequentano  la scuola primaria ed ho potuto constatare con i miei occhi come tutti gli insegnanti hanno fronteggiato e risolto tutte quelle criticità legate al Covid e le molteplici problematiche inerenti le “lezioni on line” in un Paese come il nostro,  assolutamente non pronto a metterle in pratica" Prosegue Marianna Scoccia "Sono fermamente convinta che il loro ruolo primario, in questa delicata fase, non sia stato  soltanto quello dell’insegnamento, dell’apprendimento di contenuti, o quello di portare a termine in qualche modo l’anno scolastico in corso (con la consapevolezza che la didattica a distanza è ben altra cosa rispetto ad una lezione in presenza), bensì quella di cercare di mantenere un legame tra gli studenti, di farli sentire uniti e ancora parte di una socialità in questo momento completamente destrutturata.
Soprattutto per i bambini più piccoli, ma anche per gli adolescenti,  confrontarsi con la necessità di una “distanza sociale” non è stato facile: trovare giornalmente un momento per stare insieme ai propri insegnanti, alle proprie maestre  ai propri professori ha rappresentato il rinnovarsi di quella vita quotidiana che rappresentava, fino a poco più di un anno fa, l’assoluta normalità, è divenuto essenziale.
Il ritrovarsi, lo stare assieme, il condividere regole e insegnamenti, il riconoscere il docente come la figura su cui tutti ruotano attorno ha supportato efficacemente i bambini e i ragazzi a non perdere il senso della realtà.Grazie quindi a tutti e a tutte quegli e quelle insegnanti che in ogni momento rappresentano punti di riferimento per i nostri figli."
Conclude Marianna Scoccia

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :