---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE NAZIONALI - Letta: 'Riccardi profilo ideale' Telefonata Salvini-Berlusconi- Oms: 'Con Omicron plausibile fine della pandemia in Europa'- Lorica, morto il direttore dell'impianto di risalita- Vertice centrosinistra sul Colle. Conte, faremo nome autorevole- Oggi vertice centrosinistra Partita doppia Colle-governo.

news

TOP NEWS

TOP NEWS

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

mercoledì 26 maggio 2021

SAN FILIPPO NERI, LA MESSA CELEBRATA IN PIAZZA GARIBALDI PER IL SECONDO ANNO CONSECUTIVO

SULMONA - Festeggiato nel tardo pomeriggio di oggi a Sulmona San Filippo Neri.La Santa messa si è tenuta sul plateatico di piazza Garibaldi per le necessita' dettate dal covid.Anche lo scorso anno la messa è stata celebrata sul plateatico della piazza dal vescovo Mons. Michele Fusco.La costruzione della chiesa e dell’oratorio di San Filippo Neri ebbe inizio alla metà del XVII secolo e si concluse nel 1677. La congregazione, però, in principio, ebbe sede - insieme a quella dei Padri Gesuiti - presso la chiesa di Sant’Ignazio, situata in piazza XX Settembre e oggi non più esistente; solo in un secondo momento si trasferì in Piazza Maggiore – l’attuale Piazza Garibaldi -  all’interno del Borgo pacentrano, vivace e popoloso.Il terremoto del 1706 costrinse ad una ricostruzione del complesso, di cui si fece magnanimamente carico il barone Giambattista Mazara tra il 1785 e il 1794, meritando la lapide commemorativa posta sulla parete destra della chiesa; l’annesso convento dovette assumere notevole decoro, tanto che nel 1796 poté persino ospitare il re Ferdinando IV di Borbone in visita alla città.


Nel 1799, con la soppressione dell’ordine dei Filippini, i Padri lasciarono la città e l’edificio sacro, abbandonato e ridotto ad uso profano, fu trasformato in forno e adibito anche ad usi militari. Allo stesso modo l’oratorio, incamerato dal Regio Demanio, ebbe varie destinazioni d’uso e oggi è sede del Comando della Guardia di Finanza.Solo nel 1920 la chiesa riacquistò l’uso religioso, divenendo sede della parrocchia di Sant’Agata. Da qui ha inizio la mattina di Pasqua la tradizionale manifestazione della Madonna che scappa in piazza, gioiosa conclusione della Settimana Santa sulmonese.


Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :