---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - In Sardegna 2 focolai attivi: Un pastore salva 400 pecore- 'Le proteste No green pass non erano state autorizzate'- Garozzo argento nel fioretto 'Una sconfitta che fa male' Tiro a volo, Bacosi argento nello skeet donne- Garozzo in finale nel fioretto, Pellegrini semifinale nei 200- Italia argento nella 4x100 Martinenghi rana di bronzo- Ancora roghi in Sardegna. Chiesti aerei ai paesi Ue-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 2 dicembre 2020

FONDI COMPARTO SCIISTICO, LIRIS: «RISPOSTA IMPORTANTE PER IMPRESE E AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE. CONTRIBUIAMO A SALVARE GLI IMPIANTI DI SCANNO»

L’AQUILA - «La legge a sostegno del comparto sciistico regionale rappresenta una prima, ma importante risposta, nei confronti delle imprese, ma anche delle amministrazioni pubbliche, che sono state gravemente danneggiate dagli effetti della pandemia». Lo dice l’assessore regionale allo Sport e alle Aree interne, Guido Liris, a proposito della legge, approvata oggi in consiglio, con cui si stanziano 3 milioni di euro a fondo perduto per le imprese che operano nel comparto sciistico, come  ristoro per le gravi perdite subite per la pandemia, 250 mila euro per i Comuni nel cui territorio ricadono gli impianti, per compensare i mancati introiti dei canoni concessori e, infine, 250 mila euro per il Comune di Scanno per contribuire all’acquisizione del complesso infrastrutturale del bacino cistico di Collerotondo. «La regione, ancora una volta – dice l’assessore Liris - si è dimostrata pronta a intervenire a sostegno dei soggetti che investono su questo territorio e che contribuiscono fattivamente alla sua crescita sotto il profilo turistico ed economico. Tra le altre cose i fondi serviranno anche a garantire la manutenzione degli impianti e delle piste da sci e a sostenere l’attività dei maestri.
Sono particolarmente orgoglioso – aggiunge Liris - di aver contribuito in particolar modo allo stanziamento che servirà per sostenere l’acquisto, da parte del Comune,  del complesso del bacino sciistico di Scanno che da 14 anni era gestito a fasi alterne fino a divenire completamente inattivo, causando al territorio un grave danno economico e occupazionale.Con questo primo aiuto contiamo di poter aiutare il territorio a investire in modo strutturale e definitivo, evitando che il complesso venga messo all’asta e valorizzando a dovere una delle meraviglie dell’intero Abruzzo».

--

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :