--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Nominati 39 sottosegretari: Le donne 19, i viceministri 6- 'Alzare il livello di guardia, nuovo Dpcm include Pasqua'- 'Non schiavi ma cittadini, vanno assunti 60mila rider'- Suicida Antonio Catricalà. La procura avvia un'indagine- La morte di Attanasio e Iacovacci 'Vittime di un vile agguato, Di Maio:ho chiesto un'indagine'-

news

PRIMO PIANO

MARELLI, INVESTIMENTI E NUOVE LAVORAZIONI

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 24 ottobre 2020

ALTERNATIVA CIVICA DEMOCRATICA PER RAIANO:"CONFLITTO DI INTERESSI/INCOMPATIBILITA’: LA MAGGIORANZA FA FINTA DI NON CAPIRE"

RAIANO - "Cambia la Maggioranza, si fa per dire, ma non cambiano la capacità e l’abitudine di non rispondere nel merito delle questioni da noi poste.Abbiamo chiesto all’Amministrazione Comunale:
⦁    per quali finalità avesse utilizzato direttamente oltre 30.000,00 Euro dei fondi ordinari della Riserva negli anni 2018 e 2019: nessuna risposta!
⦁    per quali ragioni non avessero debitamente vigilato sulle Determinazioni adottate dal Servizio Tecnico - assunte e fatte proprie con atti di Giunta - e che hanno dato luogo ad un rinvio a giudizio: nessuna risposta! Hanno solo sminuito la faccenda e scaricato ogni responsabilità sull’interessato;⦁    se fosse stato amministrativamente corretto utilizzare fondi per iniziative di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne per tinteggiare una facciata della Scuola: nessuna risposta! A parte contumelie piccate e offensive in campagna elettorale.Nel nostro ultimo intervento abbiamo avanzato alcune legittime perplessità in merito alla nomina dell’Assessore al Sociale, in particolare, sull’evidente CONFLITTO DI INTERESSI, di cui, a nostro parere, la stessa è portatrice e loro rispondono con la citazione dell’art. 63, comma 2 del DLGS 267/2000 sull’incompatibilità.
    Caro Gruppo di Maggioranza & Minoranza, potevate tranquillamente evitare di scomodarvi, o scomodare qualcun altro, dal copiare un articolo di legge e pronunce del Ministero degli Interni. Se avessimo ritenuto sussistere quanto previsto da dette norme avremmo agito direttamente come previsto dal successivo art. 69.
Con il nostro comunicato stampa abbiamo posto all’attenzione vostra e dell’opinione pubblica una fattispecie ben precisa che, per legge, e soprattutto per opportunità, potrebbe e dovrebbe dar luogo ad una incompatibilità di fatto a svolgere un ruolo esecutivo in Giunta.

Riepiloghiamo e ripetiamo la problematica:
⦁    la persona incaricata al ruolo di Assessore al Sociale è una dipendente di una Cooperativa Sociale di Sulmona;
⦁    la Cooperativa è accreditata, insieme ad altre, per la fornitura di prestazioni sociali per conto dell’Ambito Sociale Peligno (ECAD n.4) di cui fa parte il Comune di Raiano, unitamente a tutti gli altri Comuni peligni;

⦁    come da Convenzione e deliberati dell’Assemblea d’Ambito, sono gli utenti a scegliere liberamente la Cooperativa, tra quelle accreditate e qualificate, per fruire delle prestazioni sociali accordate e previste dal Piano Sociale d’Ambito;

⦁    la dipendente della Cooperativa e Assessore al Sociale svolge la sua attività anche nel Comune di Raiano;

È pertanto evidente, sempre a nostro parere, che il ruolo ricoperto di Assessore al Sociale potrebbe oggettivamente condizionare gli utenti interessati nella scelta della Cooperativa cui affidare i servizi accordati.
Per queste ragioni riteniamo trattasi di una classica situazione di marcato conflitto di interessi.

“Il conflitto di interessi nel suo significato corrente e giuridico, rappresenta una situazione di fatto in cui un soggetto, investito della capacità di svolgere una attività amministrativa, sia anche portatore di un interesse correlato con quella attività”.

Per tali ragioni il conflitto deriva dalle seguenti motivazioni:
⦁    personale, poiché agevolando in qualche modo la Cooperativa della quale è dipendente potrebbe, presumibilmente, trarne un vantaggio diretto per il lavoro da svolgere nell’ambito comunale;
⦁    di ruolo, poiché verrebbe a trovarsi nella posizione di controllore e controllato, nell’ipotesi che il Comune o l’Ente d’Ambito debbano avanzare osservazioni all’operato della Cooperativa per comportamenti non corretti di varia natura. Oltre a tutto ciò potrebbe condizionare il Comune e l’Ambito Sociale stesso nel momento deliberativo di programmazione degli interventi sociali e lo stanziamento di risorse.

Una situazione che, di fatto, altera la libera concorrenza tra le Cooperative e fornitori accreditati per l’erogazione di Servizi Sociali.
Da queste ragioni potrebbe derivare la possibile incompatibilità a svolgere un ruolo pubblico.
Una condizione, ci riferiamo ai 5 Stelle, vestali della correttezza, dell’integrità, della trasparenza e della purezza integrale, che non può avere sempre un solo colpevole in Berlusconi.
Probabilmente cercano di sviare il confronto di merito poiché ben consapevoli che in Consiglio Comunale sono presenti altrettanti e pesanti conflitti di interessi!!!! Meglio per loro gettare il pallone in calcio d’angolo, da bravi difensori di cose che appaiono poco chiare.

Considerata la delicatezza e importanza della problematica, anche al fine di tutelare la persona interessata e l’imparzialità dell’Ente, porremo idoneo quesito alle Autorità e Soggetti competenti interessati".

Alternativa Civica Democratica
Per Raiano


Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :