--ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Covid: in Gb forte calo dei casi, 6500 su 863.000 test- PD: Zingaretti, basta stillicidio, mi dimetto da segretario - In crescita la povertà assoluta: Dato record degli ultimi 15 anni- 'I vaccini anche in azienda per i lavoratori più esposti'- Vaccini, l'Italia blocca l'export di dosi Astrazeneca- L'Ema ha avviato l'esame del vaccino Sputnik V- Il virus continua a correre l'Italia rischia nuove chiusure- Scuola: Bianchi, percorsi individuali non tutti in classe a giugno- Bertolaso: 'Tutta l'Italia si dirige verso la zona rossa'- Ipotesi due miliardi ai vaccini, stop licenziamenti fino a giugno-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 27 maggio 2020

"IL SANGUE UMANO NON È FONTE DI PROFITTO"

SULMONA - Il cosiddetto plasma iperimmune, cioè quello ottenuto da pazienti guariti dal Covid-19, che in queste settimane molti centri in Italia stanno utilizzando come terapia nell’ambito di sperimentazioni, viene gestito seguendo i princìpi etici fondanti del Sistema sangue nazionale secondo i quali la donazione di sangue è volontaria, periodica, responsabile, anonima e non remunerata. Il sangue umano non è una fonte di profitto e le terapie trasfusionali e i medicinali plasmaderivati prodotti grazie al plasma donato devono essere erogati in maniera equa, imparziale, omogenea e senza alcun costo per i pazienti. Lo ribadiscono, in risposta a quanto apparso in questi giorni sui mezzi d’informazione, il Centro Nazionale Sangue e il Civis, il coordinamento nazionale delle associazioni di volontariato (AVIS, CRI, FIDAS, FRATRES)
Tutte le sperimentazioni in corso attualmente sul territorio nazionale con il plasma iperimmune non prevedono alcuna lavorazione esterna alla rete trasfusionale pubblica delle sacche di plasma donate, analogamente a quanto avviene per tutte le altre donazioni di sangue e emocomponenti.«In Italia la donazione di plasma, che è una risorsa strategica, non viene remunerata – ricorda Giancarlo Maria Liumbruno, direttore generale del Cns – e durante tutti gli step della lavorazione nel nostro Paese la proprietà rimane esclusivamente delle Regioni: quindi in Italia non esiste remunerazione per alcun tipo di donazione e il plasma non viene mai venduto dalle Regioni alle aziende che lo frazionano, cioè che lo separano nei vari componenti che diventano poi dei farmaci (i medicinali plasmaderivati). Da noi si è sempre lavorato perché questa risorsa venga resa disponibile secondo criteri etici e improntati alla solidarietà».«CIVIS da sempre difende il fondamentale ruolo dei donatori, senza cui non sarebbe possibile curare ogni giorno migliaia di pazienti che necessitano di trasfusioni o farmaci plasmaderivati – sottolinea Gianpietro Briola, presidente di AVIS Nazionale e portavoce protempore del Civis – Il loro è un gesto prezioso e un ruolo insostituibile per la collettività intera, riconosciuto e tutelato anche dalla legge italiana.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :