---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Europei: Jacobs rinuncia a correre la batteria 4X100- Roma: video shock di Ruberti, il capo di gabinetto nella bufera- Due vittime in Toscana Raffiche a 140 km all'ora. Caduti frammenti- dal Campanile di San Marco a Venezia - Due vittime in Toscana. Raffiche di vento a 140 km-

news

TOP NEWS

TOP NEWS

CENTROABRUZZONEWS CANALE VIDEO IN DIRETTA STREAMING SUL WEB E SU SMART TV

Canale VIDEO - 60^ EDIZIONE SVOLTE DI POPOLI

mercoledì 20 luglio 2022

"40 GRADI ALL'OMBRA?SI A LONDRA!!!CALDO SHOCK PER I PROSSIMI GIORNI ANCHE IN ITALIA SECONDO IL METEOROLOGO STEFANO BERNARDI"

L'AQUILA - Meteo da pazzi in Europa!!!Record termico battuto in Francia e in Inghilterra.In alcune zone della regione di Nantes e di Londra si sono misurate temperature pazzesche e mai registrate nella storia ( dal '700 Circa) delle rilevazioni meteo.40,1°C all'aereoporto Heathrow di Londra, 41,8°C a Nantes sono dati entrati prepotentemente negli annali della storia meteorologica mondiale. Temperature da Guinness dei primati insomma.Un qualcosa di veramente eccezionale  che dovrebbe far preoccupare e non poco, nei prossimi giorni, anche gli italiani.

Il perché ce lo dice il noto meteorologo aquilano Stefano Bernardi. 

È stato proprio lui a prevedere da diverso tempo l'arrivo di una bolla caldissima dall'entroterra africano e che non risparmierà, stazionando per più giorni, neanche la regione dei parchi qual è l'Abruzzo.

"Si, direi che sull'Italia, Abruzzo in primis, il problema sarà legato soprattutto alla persistenza delle temperature oltre la media, al di là  dei picchi termici in se che comunque voleranno oltre i 35 gradi tranquillamente. Quindi Estate simile al 2003 proprio per la persistenza del caldo oltre la norma stagionale!" 

-Afferma il meteorologo-

Una "caldera" in grado di generare temperature da febbre da cavallo in gran parte dell'Europa occidentale e destinata nei prossimi giorni a far schizzare in alto i termometri di quasi tutte le regioni italiane, Abruzzo compreso.

Prepariamoci, quindi, ad affrontare un evento di portata storica dal punto di vista meteorologico anche per l'Italia.

E chissà che anche nella nostra nazione non si riuscirà a cucinare l'uovo all'occhio di bue utilizzando semplicemente i raggi del sole targati anticiclone africano?

Chissà..."

Nessun commento: