---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Omicron: Primi due casi in Inghilterra. Uno sospetto in Campania- Incubo Omicron in Europa: Caso sospetto in Germania, scatta l'allarme in Olanda - Il Ministero alle Regioni, 'Rafforzare il tracciamento- Variante Omicron in Belgio. L'Europa ora si blinda- Super pass spinge i vaccini, Lamorgese vedrà i prefetti- Covid 'Crescita continua di casi e occupazione negli ospedali'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

sabato 6 novembre 2021

AVEZZANO: "LA DEA BENDATA E LA CAPARBIETÀ DEI POCHI AGENTI BACIANO ANCORA UNA VOLTA UN CARCERE SENZA PERSONALE"

AVEZZANO - "Nel giro di pochi mesi due detenuti sono stati salvati per il rotto della cuffia da altrettanti poliziotti penitenziari.Gli agenti, ottimamente gestiti dal dirigente penitenziario Cristian Laurenti, hanno evitato ancora una volta, quindi, con il loro innato senso del dovere, che si compisse una tragedia.A dir la verità anche la dea bendata ha avuto un ruolo non indifferente nella riuscita positiva della faccenda visto l'esiguo numero di uomini a disposizione della casa circondariale.Ieri, infatti, nel momento in cui è successo il fatto erano presenti a gestire un intero carcere soli tre agenti.Troppo pochi per fare si che si possa andare avanti facendo perno sulla fortuna.Per la cronaca Il detenuto che ieri ha tentato di togliersi la vita è stato tratto in salvo dai baschi blu nel tardo pomeriggio e successivamente inviato al pronto soccorso. È di nazionalità italiana, sarebbe uno psicotico con notevoli problemi di natura mentale e farebbe uso di una notevole quantità di psicofarmaci. Proprio per questo lo stesso sarebbe incompatibile con una realtà vocata, come il carcere fucinense, a custodia attenuata e, tra l'altro, con un presidio sanitario impostato sulle 12 ore e non come sarebbe auspicabile sulle 24.Con così poco personale si sta giocando ad una sorta di roulette russa.Ci si chiede solo se l'Amministrazione si renda conto di quello che sta facendo e se non ritiene di intervenire subito prima che a doversi contare non siano più i salvataggi ad opera di poliziotti stremati ma ben altro".
 

Mauro Nardella segretario generale territoriale UIL PA polizia penitenziaria e componente della segreteria confederale CST UIL Adriatica Gran Sasso

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :