---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Alt a Omicron con 3 dosi Pfizer Il paziente zero sta bene- Crescono positivi e intensive. Le vittime sono in lieve calo- Landini: 'Draghi ha tentato la mediazione,bloccato dai partiti'- Scholz eletto cancelliere. Si chiude l'era Merkel- Ecdc, le feste possono peggiorare la pandemia- 'L'epidemia è in espansione, 11 casi di Omicron in Italia'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

domenica 7 novembre 2021

AVEZZANO: FAMIGLIE DISAGIATE, IL COMUNE DONA PACCHI ALIMENTARI

AVEZZANO - "Saranno consegnati generi di 1^ necessità per un valore da 50 a 150 euro. Arrivano i pacchi alimentari per le famiglie disagiate della città segnalate dai servizi   sociali   e   per   i   senza   fissa   dimora:   in   vista   delle   feste   di   Natale l’amministrazione comunale apre i cordoni della borsa e affida alle associazioni di volontariato,  Expleo integra, Rindertimi, Banco di solidarietà della Marsica“Giovanni Paolo II”, Gruppo di volontariato vincenziano Aic. Italia, che hanno dato disponibilità  a collaborare, il compito di distribuire   generi  alimentari eprodotti   di   prima   necessità   ai   nuclei   familiari   maggiormente   colpiti dall’emergenza Covid.      “La distribuzione dei pacchi alimentari, che si aggiunge alle tante iniziative dell’Ente nel campo del sociale”, afferma il vice sindaco con delega al sociale, Domenico   Di   Berardino,   “sarà   seguita,   a   stretto   giro,   da   altre   iniziative dell’amministrazione verso chi vive situazioni di disagio economico. Il nostro impegno è quello di non lasciare indietro nessuno”.       L’ok della giunta comunale apre la porta alla sottoscrizione dell’intesa con le4 associazioni chiamate alla distribuzione dei pacchi alimentari: per l’acquisto e distribuzione dei beni di prima necessità l’Ente ha messo a disposizione delle associazioni 18 mila euro.  Ognuna riceverà  4.500 euro, mentre  il valore dei pacchi spesa che verranno  consegnati  alle famiglie disagiate  dovrà essere di almeno 50 euro per le famiglie con 1 componente; 100 con due; 150 per i nucleipiù numerosi. La porta   del   settore  sociale   -guidato  da   Maria   Laura Ottavi-,comunque,   resta   aperta   ad   altri   operatori  del   terzo   settore   disponibili   a collaborare   con   il   Comune,   compatibilmente   con   le   risorse   di   bilancio disponibili".                                                                                                  

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :