---ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Eitan ritornerà in Italia. Con Aya, la zia paterna - Brusaferro: 'Salgono i ricoveri, l'indice Rt rimane sopra l'uno'- Scuola: Niente dad con un contagio. L'Aifa decide sugli under 12- Caos intensive in Germania: Oms: 'Over 60 non viaggino'- Germania: E' allarme per le intensive. Pazienti anche in Lombardia- L'Alto Adige da lunedì sarà in zona gialla-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

CANALE DIRETTA STREAMING - CORDESCA 2021 FINALE

martedì 16 febbraio 2021

CONFESERCENTI CENTRO ABRUZZO: "STOP ALLO SCI, SCONCERTATI GLI OPERATORI E GLI ALBERGATORI DELL’ ALTO SANGRO"

SULMONA - "Confesercenti Centro Abruzzo esprime il suo disappunto per l’improvviso dietrofront del Governo sull’apertura degli impianti sciistici dell’Alto Sangro. L’Associazione denuncia la tardiva comunicazione che non ha avuto rispetto per il lavoro di tante persone che nei giorni scorsi si sono adoperate per una riapertura in sicurezza delle piste, investendo denaro e sacrifici.Per la Confesercenti, la decisione del Governo di chiudere gli impianti a 12 ore dall’avvio previsto è stata una vera e propria beffa: “Le stazioni sciistiche non lavorano da un anno e con grandi sacrifici hanno investito gli ultimi risparmi per anticipare le spese necessarie alla riapertura degli impianti  nel rispetto delle regole date dal Governo – ha dichiarato Pietro Leonarduzzi, responsabile della Confesercenti di Sulmona – Ma improvvisamente le regole sono state cambiate”.Per l’Associazione, è comprensibile che la variante inglese del Covid spaventi; ma agire in questo modo è irrispettoso verso le imprese, il mondo del lavoro e i cittadini.“Ancora una volta la tempistica dell’informazione e il rispetto per chi lavora, non è il punto di forza di chi ci amministra – ha detto Angelo Pellegrino, dirigente di Confesercenti – La scorsa settimana il Comitato Tecnico Scientifico ha dato l’ok alla riapertura delle stazioni sciistiche. Ora ci troviamo con tutti gli impianti dell’Alto Sangro chiusi. Sulle nostre montagne gli operatori turistici hanno accettato prenotazioni, richiamato il personale, effettuato ordini di prodotti alimentari per i loro ristoranti, sanificato gli ambienti e tutto viene rimandato a una eventuale riapertura per il prossimo 5 marzo”
Per la Confesercenti Centro Abruzzo è evidente che a questo punto la stagione è compromessa. Per cui, più che chiacchiere inutilmente rassicuranti, occorrono ristori adeguati per rimborsare le spese sostenute per una ripartenza che non si è verificata".

CONFESERCENTI CENTRO ABRUZZO

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :